menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verso il ballottaggio, l'unico confronto televisivo tra Zambuto e Pennica è alla Rai

Toni pesanti e accesi tra Totò Pennica e Marco Zambuto. Lo "sputtanamento" tra i due candidati, stamattina, alla trasmissione "Tribuna elettorale" del TgR

E' sulla rete regionale che è avvenuto il primo, e sicuramente unico, confronto tra i candidati a sindaco di Agrigento in questa seconda fase della campagna elettorale prima del ballottaggio. Il "botta e risposta" tra i due contendenti alla poltrona più ambita di Palazzo dei Giganti ha deliziato le orecchie dei telespettatori siciliani. Totò Pennica e Marco Zambuto sono stati ospiti questa mattina nella sede regionale della Rai a Palermo, nella trasmissione "Tribuna elettorale" del TgR. Il confronto verrà replicato questa sera su Radio Rai uno alle 23.

Svariati gli argomenti posti all'attenzione dalla giornalista Lidia Tilotta: il programma di governo per la città, l’emergenza del centro storico, i problemi idrici e dei rifiuti, le alleanze politiche e gli apparentamenti, la squadra degli assessori, la questione Imu. Un'incontro duro, dai toni pesanti e dal clima teso. Zambuto attacca la deputazione e le classi dirigenti dei partiti, in primis quella del Pdl. “Gli esponenti della casta si mettono insieme perché vogliono spartirsi la torta facendo tornare indietro l’orologio della storia di questa città” dice Zambuto, sostenendo che il voto del primo turno sia stato una sorta di referendum contro la vecchia casta dei partiti "capeggiata da Alfano". Ma Pennica contrattacca: "Lui è capo di un gruppo che ha messo le mani in questa città. E se qualche colpa si deve cercare bisogna cercarla nel presidente provinciale dell’Udc falso promotore di un’anticasta, che parla contro di me, mentre io continuo a diffondere programmi e proposte per il bene di questa città.”

Affronti decisamente pesanti quelli che i due candidati a sindaco di Agrigento si sono scambiati nello studio televisivo. Il candidato di Epolis pone all'attenzione questioni spinose, attaccando Zambuto sul mancato risanamento del bilancio comunale, sul progetto Terravecchia, sul crollo del Palazzo Lo Jacono. Zambuto, nervoso, si difende: "Debito lasciato dal mio predecessore, uomo di Alfano, che da 42 grazie alla riduzione dei costi della politica è stato ridotto a 12 milioni di euro". Elenca poi tutti i finanziamenti ottenuti per la città: i 26 milioni di euro per il rifacimento della rete idrica, 33 milioni per interventi complessivi nel sistema fognario-depurativo, 11 milioni di euro per i progetti nel centro storico, 6 milioni di euro destinati alla viabilità. Il tema centro storico diventa una vero e proprio campo di battaglia. Da una parte Pennica accusa Zambuto di essere capofila di un’opera di speculazione con il progetto Terravecchia, dall'altra Zambuto riprendendo la questione dell'incompatibilità di Pennica con la carica di sindaco, afferma le inadempienze del suo avversario in ordine alla messa in sicurezza di propri immobili in stato di pericoloso abbandono, sono costate al Comune decine di migliaia di euro.

Lo scontro è avvenuto anche sul tema della gestione del servizio rifiuti. Pennica promette un impegno nella riduzione del costo del canone idrico  e nell'abbassamento generale delle tasse. Il sindaco uscente parla di un ritorno alla gestione comunale del servizio di gestione dei rifiuti, mentre per la situazione idrica ribadisce il suo impegno all’interno dell’Ato idrico per una riduzione delle relative tariffe. Zambuto poi provoca Pennica, il quale si troverebbe "in situazione di conflitto d’interesse, sicuramente non nuova per la parte politica che rappresenta, per la sua esperienza all’interno del consiglio d’amministrazione della Girgenti acque”.

Con il faccia a faccia di stamattina, il sindaco uscente chiude da parte sua, la questione "confronto" con Pennica, che tanto ha agitato in questi ultimi giorni la campagna elettorale dei "pennichiani". L'avversario continua però a chiedere il dibattito sulle tv locali, ma Zambuto dichiara che ciò avverrà solo se ci sarà l'esigenza, eventualmente affrontando anche gli esponenti politici a fianco dell'avversario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento