Il Movimento 5 Stelle ha scelto: Pellitteri candidato sindaco di Casteltermini

"Eravamo pronti a governare già lo scorso anno dimostrando, in meno di 45 giorni, di poter fare per la comunità quanto Nicastro ed i suoi alleati, simboli del sistema, non sono riusciti a fare in due anni"

Filippo Pellitteri

Filippo Pellitteri è il candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle di Casteltermini alle prossime elezioni comunali che si svolgeranno il 4 e il 5 ottobre. Il locale gruppo pentastellato ha, infatti, deciso all'unanimità di riconfermare Pellitteri alla guida della lista che si presenterà nella prossima tornata elettorale, avendo apprezzato e condiviso l'operato svolto durante il breve ma proficuo mandato da sindaco già svolto.

"Ho accettato di buon grado - dice Filippo Pellitteri - e con tanto senso di responsabilità l'incarico assegnatomi dal gruppo locale a cui sono particolarmente legato. Eravamo pronti a governare già lo scorso anno dimostrando, in meno di 45 giorni, di poter fare per la comunità quanto Nicastro ed i suoi alleati, simboli del sistema, non sono riusciti a fare in due anni. Lo siamo ancor di più oggi, grazie alle esperienze e alle competenze acquisite in questi anni, nonché alle tante e nuove risorse che ci hanno manifestato interesse e disponibilità a migliorare Casteltermini".

Il Comune di Casteltermini torna alle urne dopo soli 3 anni a seguito della decadenza per ineleggibilità di Nicastro decretata per sentenza. "Abbiamo sfidato e vinto la prima importante battaglia - commenta ancora il candidato pentastellato - contro un sistema ben radicato in ogni ambito pubblico con la sola, flebile arma del diritto. Adesso la parola passa ai cittadini castelterminesi che hanno tutti la responsabilità ed il dovere civico di non lasciare che il nostro borgo sparisca, mandando a casa definitivamente, con il voto del 4 e 5 ottobre, i rappresentanti del vecchio regime. Con buona pace di tutti i rinunciatari e di coloro che vorrebbero far credere il contrario. Sostenevamo che Nicastro fosse ineleggibile e la giustizia lo ha confermato".

In merito agli esiti della vertenza di Cassazione sul sindaco che ne ha escluso la sostituibilità diretta: ”Non abbiamo mai chiesto in giudizio - spiega Pellitteri - che il sindaco ineleggibile fosse sostituito con il primo sindaco eleggibile. È stata la Corte d'appello di Palermo ad avere autonomamente ritenuto di doverlo fare applicando la legge, ma la stessa Corte d'appello prima e la Cassazione poi, hanno deciso, vista l'assoluta novità della questione, di non confermare la sostituibilità del sindaco. Va, quindi, categoricamente smentita la voce che saremmo stati noi ad aver deliberatamente determinato lo stallo istituzionale nel nostro Comune, laddove è la conseguenza diretta della riconosciuta ineleggibilità di Gioacchino Nicastro, che ne era ed è ben consapevole. Penso che per tutto quello che ha provocato dovrebbe chiedere scusa alla comunità piuttosto che tentare di rigirare la frittata. Noi siamo ormai proiettati alle elezioni ed a presentare alla cittadinanza una squadra credibile e competente oltreché un programma idoneo e fattibile per risvegliare le sorti del territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento