Entro lunedì chiusa la partita degli apparentamenti: ma mancano ancora i dati definitivi

Tre sezioni dovranno subire un riconteggio. Firetto rilancia l’ipotesi di un confronto pubblico a due con Micciché, che al momento glissa

Franco Micciché e Lillo Firetto

Il tempo a disposizione è poco, pochissimo, e le idee sempre più confuse.

Entro lunedì, verosimilmente, i due candidati sindaco che si dovranno scontrare al ballottaggio, Lillo Firetto e Franco Micciché, dovranno scegliere definitivamente sul tema degli apparentamenti, presentando le – eventuali – nuove coalizioni e nuove giunte. A rendere il tutto più difficile di quanto già non sia per questioni di scelte politiche e per il rischio che si ripeta quello che si chiama “Effetto Pennica” (quando l’avvocato, avversario di Marco Zambuto, prese al ballottaggio un pugno di voti nonostante l’amplissimo schieramento), il fatto che fino alle 21 di ieri sera mancavano ancora i risultati di tre seggi su 55, che saranno oggetto di controlli e verifiche da parte della Commissione elettorale. Senza questi dati non si può avere un quadro definito per quanto riguarda i consiglieri comunali e le liste, e quindi i partiti che dovranno sostenere gli eventuali apparentamenti non possono sapere se ci sono o meno soggetti da “salvare”.

Amministrative, ecco i dati della sezione 52: mancano però ancora tre seggi

Disinteressati sembrano al momento i due candidati, Firetto e Micciché, impegnati al momento in un braccio di ferro (in realtà monodirezionale) sul tema di un “duello” dialettico-politico. A rilanciare la questione è stato il sindaco uscente con un video nel quale dice: “Credo sia il momento di un confronto tra le due proposte che sono in campo”.

Tema sul quale battono i Firettiani in modo molto più “vivace”, al punto che è nato persino un profilo Facebook (già bloccato, e poi ricreato) chiamato “Al ballottaggio con Firetto”, che chiede con forza il confronto pubblico tra i due, per quanto vada ricordato che Firetto nel 2015, fatti i primi dibattiti decise di smettere, mentre Micciché, nella campagna elettorale in corso, al primo turno, si è fin da subito sottratto ritenendoli “Fuori dal tempo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Scoppia una maxi rissa a Porto Empedocle, più feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento