Amministrative, Di Rosa: "Ecco le proposte che arriveranno in Consiglio nei primi 6 mesi"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Se dovessi essere eletto, ecco le proposte di delibera che arriveranno in Consiglio Comunale entro i primi sei mesi: 
FATTI NON PAROLE


1.    Analizzare e valutare la gestione in house della raccolta differenziata. Necessità preliminarmente della messa a sistema delle isole ecologiche, con modalità “open access”, fornite di videosorveglianza, raccoglitori a campane con l’apertura tramite scheda nominativa e risparmio immediato per i cittadini; 
2.    Valorizzare il personale dipendente comunale, ridisegnare i meccanismi incentivanti legati ad un nuovo sistema obiettivi/risultati. In particolare, riqualificare il ruolo e i compiti demandati al corpo della Polizia Locale, valutando anche la congruità dell’attuale dotazione organica iniziando immediatamente l’iter per indire i concorsi pubblici e coprire le vacanze della pianta organica;
3.    Riqualificare il commercio l’artigianato ed i mercati agroalimentari comunali all’ingrosso unitamente ad una migliore organizzazione del sistema dei mercati rionali con annessi servizi sanitari ed igienici, all’interno di un piano che prevede la messa a regime dei bagni pubblici della città;
4.    Riqualificare il centro storico, il territorio costiero (con una particolare attenzione alle esigenze della frazione balneare di San Leone PUDM) e le attività turistico-ricettive attraverso un nuovo rapporto pubblico-privato con l’impegno a revisionare tutte le concessioni demaniali e apertura di stabilimenti lungo la costa del lungomare con annessi locali sulla terrazza;
5.    Valorizzare le strutture sportive cittadine attraverso il coinvolgimento attivo del mondo imprenditoriale, cooperativo e del terzo settore con prioritaria l’illuminazione dello stadio “Esseneto” e l’apertura delle strutture alle fasce deboli con un ritorno economico congruo per le casse comunali;
6.    Affidare a soggetti del terzo settore il sistema dei parcheggi della città e le aree di sosta del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi con sorveglianza del territorio e riscossione tassa stazionamento;
7.    Promuovere la creazione del consorzio PORTICCIOLO TURISTICO come da progetto presentato nelle competizioni elettorali del 2015;
8.    Ridiscutere con la Regione ed il Parco Archeologico la gestione dei servizi supplementari ed integrati nella valle valutandone l’immediata gestione da parte di una cooperativa di terzo settore pubblico privata con a capo il comune e con assunzione di giovani professionisti agrigentini;
9.    Ridiscutere con la Regione Siciliana le condizioni di concessione/gestione del giardino della kolymbetra, valutando la possibilità che una quota percentuale degli incassi possa cofinanziare i servizi culturali della città;
10.    Con il fondamentale contributo delle associazioni di categoria, rilanciare e promuovere il “centro commerciale naturale “Atenea” che comprende un’ampia porzione cittadina, con la possibilità di estendersi fino a gran parte del centro storico valutando l’opportunità di attrarre alcune grandi marche con la creazione dell’outlet grandi marchi “Atenea";
11.    Realizzazione di “contratti di quartiere” che interessino non solo il centro cittadino ma tutto il territorio comunale con annessi quartieri periferici e satelliti, si tratta di programmi finalizzati al recupero edilizio, economico e sociale di aree critiche della Città.
Amministrare Agrigento con onestà intellettuale si può e si deve, Agrigento piò tornare ad essere una città Normale!!!
 

I più letti
Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento