rotate-mobile
Chiamata alle urne

Elezioni europee, Cuffaro: "Dalla Democrazia Cristiana sostegno unitario al centrodestra"

Dopo settimane di polemiche, l'annuncio dell'ex governatore: "Pur in assenza del nostro simbolo e dei nostri candidati, rimarrà fermo e convinto il nostro l'impegno ai tentativi che per l'edificazione dell'esperienza politica e del Ppe, sulle ragioni fondanti della sua identità e del suo patrimonio di valori"

È davvero sorprendente il dibattito 'cuffarocentrico' andato in scena nelle ultime settimane a proposito di alleanze e candidature in vista delle prossime elezioni europee: una deriva in cui si fa davvero fatica a trovare ragioni politiche di qualche pregio". Lo dice Totò Cuffaro, segretario nazionale della Democrazia cristiana, in una lunga nota che si conclude con un annuncio: "Sosterremo unitariamente il centrodestra".

Cuffaro dà la sua chiave di lettura delle polemiche di queste settimane sull'ipotesi di una presenza dei candidati della sua Dc, che non ha presentato il proprio simbolo, all'interno delle liste che partecipano alle Europee: "Al di là dei comprensibili riferimenti al mio trascorso giudiziario, utilizzati spesso in dispregio dei principi costituzionali della funzione rieducativa della pena e delle stesse sentenze della magistratura di sorveglianza in tema di riabilitazione, risulta evidente che in tante occasioni sono stato tirato in ballo solo in funzione strumentale a contese per l'affermazione di leadership personali ed equilibri di potere tra alcuni dei partiti in campo e all'interno di essi".

L'ex governatore siciliano poi prosegue: "Nessun confronto ideale di merito invece, se del caso anche critico, sui contenuti della proposta politica con cui la Democrazia cristiana intende contribuire, e certamente contribuirà, a sostegno dell'Europa e delle sue istituzioni unitarie, specie in un frangente della storia carico di sfide a noi così vicine e decisive per il futuro del mondo. In un tempo che ne sollecita con forza il rinnovato slancio ideale, certo agire politico - continua - ha, invece, mostrato una preoccupante fragilità di contenuti prima che di metodo, adagiandosi su logiche ben più riduttive. In questo senso - sottolinea Cuffaro - c'era parso di potere cogliere con interesse l'iniziativa di dare forma, proprio a partire dalle elezioni europee, al processo di riaggregazione di una più bassa area di centro, riconoscibile attraverso la condivisione dei principi fondanti di un comune orizzonte ideale in cui le diverse tradizioni popolari del nostro Paese hanno spesso saputo trovare il loro costruttivo punto di incontro. Ma come è noto, le cose per noi della Dc si sono evolute a partire da ben altre priorità e ci è toccato, pertanto, prenderne atto con estrema delusione".

E infine: "In ogni caso, voglio ribadire che, pur in assenza del nostro simbolo e dei nostri candidati, rimarrà fermo e convinto l'impegno dell'intera comunità politica della Democrazia cristiana nel sostenere unitariamente i tentativi che all'interno del centrodestra stanno puntando anche in questa consultazione europea e auspichiamo ancor più, nel prossimo futuro, sull'edificazione dell'esperienza politica e del Partito popolare Europeo, sulle ragioni fondanti della sua identità e del suo patrimonio di valori".

(Fonte: Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni europee, Cuffaro: "Dalla Democrazia Cristiana sostegno unitario al centrodestra"

AgrigentoNotizie è in caricamento