rotate-mobile
Politica

Elezioni regionale, l'appello di Di Rosa: "Diamo al voto il giusto valore"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Per cinque anni sono stati zitti e improduttivi. Adesso hanno ripreso a parlare e, meraviglia della meraviglia, parlano la nostra lingua, interpretano i bisogni della gente e del territorio. La stragrande maggioranza dei nostri eroi si ricandidano per la seconda, terza e quarta volta, che hanno fatto per la Sicilia e per i siciliani? Crocetta, il Pd e gli alleati del partito di Renzi sono stati i politici più improduttivi e dannosi della storia dell'Isola dal Dopoguerra e cercano consensi per continuare a fare parte della casta per decidere il nulla assoluto che è per noi il peggiore dei danni. 

Buoni solo a mettere in atto strategie per favorire tutti tranne il popolo, che non ha avuto voce e non è stato saggiamente amministrato. Agrigento, la mia città, non cresce e si impoverisce ogni giorno di più e si tira dietro nel suo amaro destino le città vicine, Favara, Porto Empedocle, Aragona, Raffadali, Joppolo, Comitini. Immaginate questi paesi se avessero avuto in sorte un capoluogo di provincia con lo stesso sviluppo di Ragusa o Siracusa.

Attualmente Firetto non sta distruggendo solo Agrigento, giocoforza, penalizza anche le altre città. Chi ha appoggiato e appoggia Firetto? Meditate gente, prima di votarli. Dopo saranno altri cinque anni di silenzio, loro a curare i loro interessi di partito e noi a sprofondare nella povertà. 

Un ponte che non c'è ha interrotto il collegamento tra Agrigento e Favara, un ponte prima chiuso poi riaperto poi richiuso ancora una volta, ha di fatto cambiato la viabilità di una intera città capoluogo, i tempi lunghi per il raddoppio della statale per Palermo penalizza due province la nostra e quella di Palermo. Due problemi, tutto sommato, semplici che i nostri eroi nostrani non sono stati capaci di risolvere, figurarsi il rilancio dell'economia dell'Isola o il rilancio del Cupa o Cua? (sindaco firetto in primis e poi i due schieramenti di maggior richiamo con Micari ed Armao su tutti). Ciò che è stato fatto è merito esclusivamente degli imprenditori, iniziando dai favaresi ed agrigentini, lasciati soli da questi che si ripresentano con la loro faccia tosta a chiedere voti. 

Il gioco è in mano nostra. Il destino lo costruiamo noi. Iniziamo a cambiare dando il giusto valore al voto, che non si può dare per fare una cortesia.

Il coordinatore del movimento "Mani Libere", Giuseppe Di Rosa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni regionale, l'appello di Di Rosa: "Diamo al voto il giusto valore"

AgrigentoNotizie è in caricamento