rotate-mobile
Il punto

Elezioni amministrative 2023, domenica urne aperte: ecco come si vota

Sono trentadue i candidati sindaco per 14 Comuni in provincia: in un solo caso sarà possibile il ballottaggio

La campagna elettorale delle elezioni amministrative è ormai quasi terminata e, il 28 e 29 maggio, si apriranno i seggi per eleggere 14 sindaci e rinnovare altrettanti Consigli comunali.

Le operazioni di voto si svolgeranno domenica (dalle 7 alle 23) e lunedì (dalle 7 alle 15) e le indicazioni della legge elettorale sono sostanzialmente sempre le stesse:  l'elettore può esprimere una o due preferenze nella stessa lista per il Consiglio comunale, ma di genere diverso: una femminile e una maschile. Il voto espresso per una lista si estende al candidato sindaco a essa collegato e non viceversa per il cosiddetto "effetto trascinamento".

Prevista anche la possibilità del "voto disgiunto", che rende libero l'elettore di votare separatamente per un candidato sindaco e per una lista a questo non collegata.   Lo spoglio inizierà lunedì pomeriggio, subito dopo la chiusura delle operazioni di voto.

In provincia di Agrigento si voterà con sistema proporzionale a Licata, mentre con il maggioritario a Burgio, Calamonaci, Castrofilippo, Cianciana, Grotte, Joppolo Giancaxio, Lucca Sicula, Menfi, Ravanusa, Sambuca di Sicilia, San Giovanni Gemini, Sant'Angelo Muxaro e Santo Stefano Quisquina. Significa che solo nel primo caso potrà esserci un eventuale ballottaggio.

Sono in totale 32 i candidati sindaco che si contenderanno 14 poltrone: 

A Licata i candidati sono tre: Angelo Balsamo (Noi, Insieme per Licata, Forza Licata,  Lega Salvini Premier, Fratelli d'Italia,  Forza Italia), Angelo Iacona (Onda, Democrazia Cristiana, Udc) e Fabio Amato (Movimento 5 Stelle, Pd, Restart, Sud chiama Nord). Qui si sono concentrate le attenzioni della politica nazionale, con la discesa in campo del ministro Matteo Salvini (a sostegno di Balsamo), dell'ex premier Giuseppe Conte (a sostegno di Amato) oltre che di un gran numero di deputati regionali e nazionali.

Ravanusa, si contenderanno la poltrona del post D'Angelo invece quattro candiati: Vito Ciotta (Insieme per servire Ravanusa Vito Ciotta Sindaco), Kabiria Loggia (Ravanusa viva), Lillo Massimiliano Musso (Forza del Popolo) e Salvatore Pitrola (Ravanusa Aperta).

Tris di candidati a Castrofilippo: oltre all'uscente Franco Badalamenti (Noi per il Futuro di Castrofilippo) ci sono Totò Gioacchino Baio (Castrofilippo Bene Comune) e Ilenia Dainotto  (Primavera Castrofilippese). Tre candidati anche a San Giovanni Gemini: Giovanni Miceli, Dino Zimbardo e Rito Compilato. 

Come era già successo alcuni anni addietro, anche questa tornata elettorale vedrà un candidato sindaco in "solitaria": si tratta di Francesco Cacciatore, sindaco uscente e unico candidato alle elezioni di Santo Stefano Quisquina. Suo unico avversario, il quorum, dato che sarà necessario raggiungere il 50% degli iscritti alle liste elettorali, quindi considerando anche gli emigrati. 

Ecco tutti gli altri candidati con anche le liste a sostegno: 

Amministrative 2023, a Joppolo Giancaxio Cacciatore e Migliara si sfidano per il dopo Portella

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni amministrative 2023, domenica urne aperte: ecco come si vota

AgrigentoNotizie è in caricamento