menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il municipio di Porto Empedocle

Il municipio di Porto Empedocle

Dissesto a Porto Empedocle, Carmina: "Si pagano stipendi per i dipendenti"

Dalla Regione sono arrivati i primi 150 mila euro. Il sindaco: "Quando si arriva ad un punto di non ritorno, non si può che ricostruire. È fallito il Comune, non la comunità"

Toccato il fondo, si cerca di risalire. Porto Empedocle rialza la testa dopo il dissesto finanziario che ha investito il Comune. Dalla Regione sono arrivati i primi 150 mila euro. Una goccia nel mare che servirà per pagare un acconto degli stipendi dei dipendenti.

Dopo l’operazione “verità” che ha preceduto la delibera di dissesto, il sindaco Ida Carmina guarda al futuro e alle prossime tappe per il risanamento delle casse comunali. “Il fatto che sia fallito il Comune – dice il sindaco ad Agrigentonotizie – non significa che sia fallita la comunità empedoclina. Cercheremo pian piano di restituire i servizi per i nostri cittadini. Intanto, con questi primi fondi arrivati dalla Regione, pagheremo un acconto degli stipendi”.

L’amministrazione è al lavoro, dunque, per ridurre il danno. “Quando si arriva ad un punto di non ritorno, non si può che ricostruire – aggiunge il sindaco - . Inizieremo inviando la delibera agli organi competenti. Abbiamo già avvisato i vari assessorati, ma ci sarà ovviamente un’interlocuzione con i ministeri degli Interni e dell’Economia, la finanza locale, l’assessorato regionale alle Autonomie locali e vedremo cosa si potrà ottenere prima possibile”.

Il dissesto sembra avere avuto anche un’azione “liberatoria” per l’amministrazione. “Adesso si respira un’aria nuova, – confessa Carmina – i dipendenti sono più sollevati nonostante sia stata presa una decisione dolorosa, a causa, è bene sottolinearlo, della precedente gestione. Con il dissesto, poi, vengono sospese tutte le procedure esecutive, ad esempio, noi abbiamo centinaia di migliaia di euro bloccati alla posta da pignoramenti. Se ci avessimo pensato prima, avremmo potuto spendere quei soldi per i dipendenti. Ma adesso – conclude il sindaco - occorre guardare avanti con grande senso di responsabilità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento