rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Politica

Contrazione oraria del personale dell'Asp, Zappia replica a Pullara: "Nessuno andrà a casa"

Il deputato regionale aveva parlato di "decisione ingiusta". Il manager dell'Asp chiarisce: "Inevitabile alla luce della riduzione delle vaccinazioni"

Il commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, Mario Zappia, replica al vice presidente della commissione Sanità all’Ars, Carmelo Pullara, in merito alla riduzione oraria del personale impiegato nell’emergenza covid-19.

"Il provvedimento di contrazione oraria fa riferimento un monitoraggio continuo dell’operato degli operatori nella gestione covid-19. In considerazione del fatto che il numero di vaccinazioni settimanali è sceso, su base provinciale, al di sotto delle mille somministrazioni e che anche la quantità di tamponi eseguiti è calata considerevolmente - spiega Zappia -, non appare giustificato mantenere lo stesso impegno orario dei lavoratori".

Il commissario Asp aggiunge: "Ovviamente nessuno sta dicendo che il personale andrà a casa ma è ovvio che l’impiego va sempre commisurato alla reale necessità. Se qualcuno ritiene - continua il commissario Zappia- che gli ‘operatori covid’ possano essere impiegati in ambiti ‘non covid’, dico subito che diverse circolari dell’assessorato regionale della Salute e di vari organi di vigilanza raccomandano chiaramente di non procedere lungo questa direzione lavoro visto che un ‘utilizzo improprio’ del personale sarebbe oggetto di opportune obiezioni da parte della Corte dei Conti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrazione oraria del personale dell'Asp, Zappia replica a Pullara: "Nessuno andrà a casa"

AgrigentoNotizie è in caricamento