Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da lunedì si torna a scuola, il sindaco Miccichè agli studenti: "Rispettate le regole anti-Covid"

Dopo il lungo stop dovuto all'emergenza Coronavirus, la campanella tornerà a suonare negli istituti di ogni ordine e grado

 

Riaprono gli istituti scolastici. Da lunedì, primo febbraio, si tornerà - in presenza - in classe e si potranno riprendere tutte le attività didattiche: dall'asilo alla prima media. Attività miste, una parte in classe e una parte con la "dad", invece, per gli alunni degli istituti superiori e per quelli di seconda e terza media. 

Verso la zona arancione? Il prefetto: "Occorre continuare a rinunciare ad incontri e riunioni, anche in famiglia"
Verso la zona arancione? Il prefetto: "Occorre continuare a rinunciare ad incontri e riunioni, anche in famiglia"

A lanciare un appello è il sindaco di Agrigento, Franco Micciché: “Raccomando ai ragazzi di evitare gli assembramenti, di indossare la mascherina e di rispettare le distanze. Grazie al prefetto – ha detto, ai microfoni di AgrigentoNotizie, il primo cittadino - abbiamo preso accordi con le aziende di trasporti per regolamentare il numero dei pendolari a bordo dei pullman. Abbiamo anche organizzato – conclude il sindaco - gli ingressi e le uscite dagli istituti, scaglionando i flussi a distanza di un’ora”. 

"La decisione della riapertura è stata presa dagli assessori regionali alla Pubblica Istruzione Roberto Lagalla e alla Sanità Ruggero Razza - ha spiegato, nel pomeriggio, il sindaco - . Per chiudere una scuola occorrerà prima un provvedimento dell’autorità sanitaria".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento