menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Consulta comunale degli anziani si appella al futuro sindaco

Tariffe troppo care, assenza di centri ricreativi. "La futura amministrazione che dovrà farsi garante del benessere della città e dei suoi anziani"

Il 2012 è l'anno europeo dell'invecchiamento attivo. Ad Agrigento nasce la prima Consulta comunale degli anziani. A pochi mesi dal rinnovo del Consiglio e del sindaco la Consulta lancia un appello al futuro primo cittadino della città. "L'amministrazione comunale dovrà fare da 'cane da guardia' rispetto alle politiche delle tariffe, delle agevolazioni fiscali e dei servizi per gli anziani". Affermano i membri della consulta i quali si propongono di raccogliere iniziative da proporre alla futura amministrazione che dovrà farsi garante del benessere della città e dei suoi anziani. A riguardo la Consulta propone la nomina di un "Garante della qualità dei servizi comunali" da parte del nuovo Consiglio.

 


Per produdurre servizi e progetti innovativi occorrono però i finanziamenti e la Consulta esorta all'intercettazione dei fondi regionali, statali ed europei, ma anche di quelli privati al fine di poter rendere Agrigento una città vivibile per quella fetta di popolazione, che superati i sessant'anni, ha ancora molto da spendere. I primi punti posti all'attenzione dal presidente, Giovanni D'Angelo, sono innanzitutto le tariffe idriche e dei rifiuti. "Troppo care e che colpiscono soprattutto gli anziani", afferma la Consulta richiamando i principi di equità. Troppo caro anche il costo dei biglietti dei mezzi pubblici, validi tra l'altro, solo per una corsa. Mancano inoltre centri ricreativi e culturali, opportunità di socializzazione per gli uomini e le donne di terza età. "La Consulta opererà da pungolo nei confronti della nuova amministrazione, intrattenendo un rapporto di continua sollecitazione", spiegano i membri della nuova Consulta comunlae degli anziani.  

(dbr)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento