menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Raimondo Buscemi, presidente del Consiglio provinciale

Raimondo Buscemi, presidente del Consiglio provinciale

Il Consiglio provinciale approva il regolamento della "Consulta dei Migranti"

La seduta è iniziata con un minuto di silenzio per ricordare le vittime del crollo di due palazzine a Palermo. La riunione si è tenuta all'interno dell'aula Silvia Pellegrino

E’ iniziata con un minuto di silenzio per ricordare le vittime del crollo di due palazzine a Palermo, la riunione del Consiglio provinciale di Agrigento riunitosi ieri sera nell’aula “Silvia Pellegrino”. 

Il Consiglio, presieduto da Raimondo Buscemi, ha poi discusso ed approvato, il regolamento sul controllo interno seguito e quello contenente le modifiche al regolamento per il funzionamento della Consulta dei Migranti. Presenti, per l’Amministrazione, gli Assessori Angelo Biondi e Salvatore Tannorella. 

Ad illustrare il nuovo regolamento sulla Consulta e soprattutto il suo valore sociale è stato lo stesso assessore Tannorella.  “In una provincia come la nostra – ha detto - dove ogni giorni centinaia di disperati sbarcano sulle nostre coste per sfuggire alla guerra, alla fame, alla carestia, il regolamento ci consente di rendere operativa questa struttura che diventa uno strumento fondamentale dell’opera di integrazione ed assistenza. Poter disporre di una struttura quale la Consulta, diventa propedeutico sviluppare un organico servizio di accoglienza che vede coinvolte tutte le associazione ed i gruppi che operano nel mondo del volontariato”.

Il Consigliere Roberto Gallo ha poi comunicato alcune delle iniziative già avviate come la sottoscrizione di convenzioni con le associazioni presenti sul territorio, una delle quali è quella degli oltre 500 senegalesi iscritti. “Un’etnia – ha detto Gallo - seria e laboriosa e soprattutto rispettosa delle regole e delle leggi dello Stato Italiano. Un discorso aperto c’è anche con la Caritas diocesana per dar vita ad un concreto e fattivo lavoro di accoglienza di questa umanità sofferente”.

Critico il consigliere Nicolò Testone che ha definito inconcepibile ed inaccettabile il ritardo nella costituzione di questa struttura. 
“La Consulta dei Migranti  - ha detto - venne istituita ben 7 anni fa ed è semplicemente disdicevole tutto questo ritardo di fronte all’amara realtà dei migranti nella nostra provincia. Testone ha quindi rivolto un invito al Consiglio per sollecitare l’approvazione del regolamento che non ha subito eccessive modifiche per far sì che l’Assessore Tannorella già nei primi giorni del nuovo anno, possa insediare la Consulta".

Nel dibattito sono intervenuti inoltre i consiglieri Matteo Ruvolo e Maurizio Masone che sulla stessa lunghezza d’onda dei precedenti interventi, hanno sollecitato l’aula “Pellegrino” a licenziare positivamente il nuovo regolamento della Consulta dei Migranti.

Il presidente del Consiglio, Raimondo Buscemi  ha invitato i presenti a votare il nuovo regolamento per consentire una maggiore attenzione della Provincia, insieme alla Consulta dei Migranti ai problemi degli extracomunitari. Il Consiglio ha votato all’unanimità dei 27 presenti, il nuovo regolamento consentendo all’assessore Tannorella, già dal prossimo anno, di poter insediare la struttura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento