Sabato, 24 Luglio 2021
(foto ARCHIVIO)
Politica

Carenza idrica in città, Bongiovì: "Situazione inconcepibile"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“Apprendo con rammarico, grazie all’associazione Tante Case Tante Idee, che si evince in città un problema atavico che nel 2021 sembrava essere ormai superato. Ma a quanto pare così non è!!”

La Bongiovì afferma che “Agli inizi di una stagione estiva di risanamento economico per le tante attività imprenditoriali, scontrarsi con un nuovo fenomeno di erogazione irregolare dell’acqua è inverosimile e molto gravoso. Questo è causa di tanti disagi, sia a livello igienico personale, che a livello lavorativo.

Perché in questi giorni, mi segnalano ed apprendo, che sono stati in tante le attività, come B&B e ristoratori, che sono ricorsi ai ripari acquistando quel bene di prima necessità, che è l’acqua, da privati!! Ancor più grave, in periodo di pandemia, dove tutti raccomandano di lavare spesso le mani”

“Lo trovo inconcepibile, e del tutto poco corretto nei confronti dei nostri contribuenti. Che hanno sempre pagato una tariffa abbastanza alta, sia con la gestione dell’azienda Girgenti Acque (oggi in fallimento), e oggi con il ritorno alla gestione pubblica; senza beneficiare di un regolare servizio, anzi, si ritrovano ad avere il problema della mancata erogazione quotidiana nelle proprie abitazioni ed attività commerciali.

Vediamo tante città ben strutturate e con un servizio impeccabile, che permette inoltre ti evitare un impatto visivo delle cisterne collocate nei tetti dell’intera città. Perché non aggiornarci su tutti i fronti pure noi??

Occorre al più presto conoscerne la natura del problema e trovare la risoluzione nel migliore dei modi.

Parliamo di un’isola, che ha delle risorse di grande spessore, basti contare le dighe e le sorgive naturali presenti nel territorio. Acqua che dalla provincia di Palermo arriva nel nostro territorio, e va a sfociare tramite il fiume socio verdura, nei nostri mari. Sorgenti, come quella denominata Favara di Burgio, che attraversa la nostra città, e che solo da un anno sfruttiamo grazie alla casetta dell’acqua sita nel piazzale Ugo La Malfa. Acqua di sorgente potabile, potenzialmente buona pure per poterla bere.”

Detto questo, continua la consigliera dott. Bongiovì, “mi sento adesso in dovere, di sollevare la problematica all’amministrazione comunale, tramite la VI Commissione Comunale di cui mi onoro di farne parte, certa che al più presto si possa trovare la soluzione migliore, al fine di eliminare definitivamente questa piaga che da sempre è stata una macchia nera per l’intera città. Conosco la sensibilità e la fattibilità della nuova amministrazione, che il prima possibile, sono certa, che si farà carico di questa ennesima problematica per il bene dei cittadini.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza idrica in città, Bongiovì: "Situazione inconcepibile"

AgrigentoNotizie è in caricamento