Sel Licata sul "caso Balsamo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Sinistra Ecologia e Libertà di Licata esprime il proprio disagio di fronte alla situazione venutasi a creare con il "caso Balsamo". Pur prendendo atto che l'episodio per il quale è accusato l'Avv. Balsamo riguarda la sfera professionale e non quella politica, è innegabile che le due figure collimino se non altro perché tale episodio ci costringe, nuovamente, a vivere una vacatio istituzionale che rallenterà la macchina amministrativa. Caso, peraltro, esploso durante la campagna elettorale che avrebbe dovuto far riflettere l'interessato sulla necessità di una candidatura alla guida di una città già offesa dalla precedente amministrazione.

Pur facendo nostra la presunzione di innocenza, principio di ogni democrazia che si professa tale, Sinistra Ecologia e Libertà di Licata fa propria l'eco sferzante che proviene dalle parole del Procuratore Di Natali che ha dipinto un allarmante quadro della nostra città. Parole che ci saremmo aspettati avrebbero acceso un dibattito fra gli attori sociali, culturali e politici di Licata evidentemente sordi davanti all'evidenza.

Un silenzio che turba. Un silenzio come quello di chi si scandalizza per le parole del Procuratore e fa finta di non vedere la sfilza di atti criminosi che da settimane riempie le cronache locali e regionali. Chi grida al complotto è, forse, abbagliato da una amministrazione che è riuscita a comunicare un falso rilancio della città senza che ci sia un vero riscontro negli indicatori economici che misurano il benessere di una economia cittadina. Anzi sulla già fragile economia familiare ha gravato un ulteriore uscita come la Mini-IMU.

In ultimo, il richiamo del Procuratore investe anche i vertici delle forze dell'ordine verso le quali rinnoviamo sì la stima ed il credito di fiducia ma in attesa di atti e comportamenti che possano dissolvere i fumi del dubbio scesi su alcuni esponenti.

Per il bene della nostra città invitiamo il Sindaco a fare un passo indietro per meglio risolvere i problemi personali ed invitiamo, altresì, la magistratura ad un iter certo e celere che faccia luce, una volta per tutte, sull'intera vicenda.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento