rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Fondi pubblici

Caso Suv, nuovo attacco del Codacons: "Nessuna chiarezza ma intanto i cittadini pagano"

Il responsabile del dipartimento Trasparenza Giuseppe Di Rosa: "L'amministrazione ha fatto calare il silenzio, nel frattempo le spese di bollo e assicurazione le paghiamo noi"

Nuovo attacco del Codacons sul caso dei Suv acquistati dal Comune di Agrigento. 

"L’amministrazione - scrive Giuseppe Di Rosa, responsabile regionale del dipartimento Trasparenza enti locali - fa calare il silenzio su un caso di mala amministrazione mai registrato nella storia di nessun comune d’Italia: hanno utilizzato fondi indirizzati alla famiglia per acquistare portatili e Suv, hanno avuto la faccia tosta di nominare un legale esterno (senza avere mai pubblicato il costo economico previsto così come per legge deve essere allegato alla determina di nomina) e di preannunciare un ricorso alla revoca del finanziamento da parte del ministero, salvo far calare il silenzio e non dare più notizie agli agrigentini. Dobbiamo per forza - aggiunge - scoprire noi che è arrivato un qualcosa dal ministero o dalla Corte dei Conti?"

Di Rosa incalza: "Assessore Vullo, sono passati 90 giorni (60 giorni era il termine ultimo per la presentazione del ricorso al Tar) dalla notifica del ministero che ha revocato il finanziamento statale. Cosa dice alla città su questo? Sindaco, dove è finita la trasparenza che avevi promesso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Suv, nuovo attacco del Codacons: "Nessuna chiarezza ma intanto i cittadini pagano"

AgrigentoNotizie è in caricamento