Politica

I giovani di Italia Viva ai candidati sindaco: "Ecco le nostre dieci idee per la città"

I ragazzi del circolo "Sturzo" avevano chiesto nei mesi scorsi agli aspiranti primi cittadini di fornire i propri programmi elettorali, ma hanno atteso invano

I ragazzi del circolo "Sturzo"

Avevano chiesto nei mesi scorsi di conoscere i programmi dei candidati sindaco, ma, alla fine, i giovani del circolo "Sturzo" di Italia Viva, pare abbiano atteso invano. Il partito di Renzi (che in realtà ad Agrigento è dato dai rumors come alleato di Lillo Firetto), oggi scrive nuovamente ai candidati lamentando come nessuno di loro abbia risposto all'appello sui programmi e lanciando le proprie dieci idee per il futuro della città.

L'elenco è lungo e variopinto: riqualificare il parco dell’Addolorata, "mettere a sistema le risorse intellettuali, gli enti che si occupano di ricerca e tutela del patrimonio storico artistico, le associazioni culturali e l'università, le fondazioni, per fare del territorio un distretto culturale diffuso e per sviluppare un programma di gestione condiviso al fine di poter realizzare un grande parco avventura monotematico sulle civiltà classiche per avvicinare i ragazzi, una nuova realtà che faccia sistema con la valle dei templi.* I bambini avvicineranno alla città i genitori e finiranno per visitarla"; creare un "Museo tattile" con una "Valle dei Templi che si tocca con le mani per i non vedenti"; "giocare a tutto campo perché Agrigento possa diventare una 'capitale europea della cultura'"; la creazione di un "centro di produzione di grandi eventi con la possibilità di accogliere il turismo congressuale ed il turismo religioso rivolto alla necessità di creare sviluppo e nuova occupazione, soprattutto giovanile"; creare una squadra che si possa occupare dei "problemi dell'edilizia pubblica, in particolare, analizzando i problemi, scuola per scuola, e individuando soluzioni progettuali da adottare. Solo avendo i progetti pronti si potrà accedere alle risorse che Stato e Regione mettono annualmente a disposizione della comunità"; cceare un gruppo di lavoro dedicato al "recupero degli immobili privati del centro storico con una procedura agevolata e veloce, recuperando la nuova normativa regionale sul certificato verde e contro il consumo di suolo, ma soprattutto velocizzando le procedure che consentano a tutti i proprietari di immobili di fruire di  “ecobonus” e di “Sismabonus”, occasione imperdibile per un recupero del centro storico. Il Comune e la farraginosità dei suoi uffici altrimenti impedirà l’unica reale e fattibile possibilità di recuperare gratuitamente, o quasi, tutti gli immobili del centro storico"; creare, sostenere e incoraggiare "la funzione istituzionale della Consulta giovanile, per cominciare a credere veramente che i giovani sono una risorsa che la città di Agrigento non può perdere e per creare passe-partout che possa collegare l’impegno giovanile a supporto e stimolo dell’amministrazione con l’impegno diretto dei giovani in politica per forgiare nuove classi amministrative. *La consulta giovanile deve essere una corsia privilegiata perché i giovani possano diventare nuova classe politica amministrativa"; chiudere il circuito Museale cittadino integrato con un biglietto unico "mettendo a sistema tutte le esperienze artistiche, architettoniche e museali, religiose, civiche e archeologiche"; istituire veri "percorsi letterari e sentimentali, ulteriore elemento di permanenza di un turismo colto e scolastico dentro le mura cittadine, ripensare un’esposizione permanente dell’eredità immateriali siciliane con percorsi esperienziali, visivi e tattili"; creare una "consulta delle Associazioni che si occupano di disabilità, per definire un piano di abbattimento delle barriere architettoniche in collaborazione con tutte le istituzioni cittadine e favorire percorsi di partecipazione alla vita della città, realizzando momenti di comunicazione e incontro"; istituire un "festival Pirandelliano" dedicato alle quinte classe degli istituti superiori di Italia e d’Europa che troverebbero in Agrigento "l’opportunità di assistere dal vivo alle rappresentazioni sceniche del teatro contemporaneo, unendolo ai percorsi archeologici, storici e letterari per realizzare uno straordinario Unicum di turismo scolastico". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I giovani di Italia Viva ai candidati sindaco: "Ecco le nostre dieci idee per la città"

AgrigentoNotizie è in caricamento