rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Politica

Servire Agrigento: "Tanta propaganda, pochi fatti. Agrigento Capitale del degrado"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“Pensare di candidare Agrigento a Capitale italiana della Cultura 2025 - in un momento in cui si avverte la sensazione di una città abbandonata, rassegnata e stretta nella morsa del degrado e dell’incuria - rischia di essere soltanto un clamoroso autogol. Una città piegata su stessa, senza visione, incapace di offrire servizi efficienti a turisti e visitatori, che non riesce a dare risposte concrete ai cittadini non è nelle condizioni di avere le carte giuste da dover giocare”. 

Lo afferma il coordinatore provinciale del movimento politico “Servire Agrigento”, Raoul Passarello.

“In un contesto cittadino caratterizzato da una grave situazione di trascuratezza - che vede marciapiedi, strade, piazze e aiuole sempre più soffocati da erbacce e rifiuti -  sono evidenti le responsabilità e la scarsa azione dell’Amministrazione comunale fin qui incapace di prendersi cura di Agrigento e di innescare un reale cambiamento.

Di fronte ad una situazione ormai fuori controllo e prima di pensare a qualsiasi candidatura occorre un atto di buon senso definendo un Piano straordinario di pulizia della città da avviare subito che unitamente all’attuazione di alcune idee semplici ed efficaci - migliore fruibilità degli spazi urbani, potenziamento del trasporto pubblico locale, blocchi e limitazioni alla circolazione nelle vie della movida, più aree pedonali e acceso libero alla rete - possano migliorare e rilanciare l’immagine di un territorio che per la sua storia e cultura millenaria meriterebbe più attenzione, più coraggio e più slancio”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servire Agrigento: "Tanta propaganda, pochi fatti. Agrigento Capitale del degrado"

AgrigentoNotizie è in caricamento