rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Politica

Capitale della Cultura 2020, Di Nolfo: "Serve prima superare i limiti"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

La coordinatrice provinciale di Forza Italia Giovani di Agrigento, e vice coordinatrice regionale, Lilly Di Nolfo, interviene nel merito della candidatura, proposta dall’amministrazione comunale di Agrigento, della città di Agrigento come Capitale italiana della Cultura 2020. Lilly Di Nolfo afferma: “Come agrigentina e come donna impegnata in politica non posso non salutare questa iniziativa con entusiasmo e con un pizzico di orgoglio, e spero vivamente che questo progetto si realizzi. Tuttavia penso che oltre al sogno per un traguardo così importante serva un sano realismo che porti a riconoscere alcuni limiti che andrebbero risolti prima di un’esposizione mediatica così impegnativa, per mettere al riparo la città da critiche crudeli e non del tutto ingiustificate. Mi chiedo: come facciamo a candidarci a Capitale della Cultura quando il Polo Universitario (unico centro qualificato di ricerca) fa fatica a sopravvivere e da tempo ormai se ne annuncia la chiusura?  Ed ancora: con una rete viaria che, al momento, richiede l’impiego di più di due ore per raggiungere Agrigento da Palermo, come pensiamo che le persone possano venire a visitare i nostri siti archeologici unici al mondo? E che dire del centro storico? Ci candidiamo a Capitale della Cultura quando abbiamo una Cattedrale che sta crollando, e un centro storico del tutto abbandonato a se stesso? Mi pare che tra le due cose – la candidatura e lo stato di salute della città – ci sia una distanza abissale. E’ inutile puntare su eventi ad effetto. È bene mettersi all’opera seriamente per risolvere i problemi endemici di questa città: le strade, le scuole di eccellenza, il centro storico e il lavoro. Il resto acquista importanza solo e nella misura in cui si risolvono le cose più importanti. Come cittadini dovremmo avere chiara la distinzione fra le cose fondamentali e quelle opinabili. Non vorrei – e lo dico a nome dei giovani di Forza Italia – che parlare di cose opinabili, e la candidatura a Capitale della Cultura lo è – fosse un modo elegante per distogliere l’attenzione dalle cose di fondamentale importanza. Noi continueremo a far sentire la nostra voce sulle problematiche serie di questa città, quelle che hanno costretto migliaia di giovani ad andare via e quelle che ne fanno soffrire tanti altri al presente. Il resto ci sembra fumo negli occhi di cui sinceramente non abbiamo bisogno”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitale della Cultura 2020, Di Nolfo: "Serve prima superare i limiti"

AgrigentoNotizie è in caricamento