Contrade irraggiungibili 43 giorni dopo l'alluvione, M5S incalza Musumeci

Di Caro e Mangiacavallo: "Il presidente della Regione si attivi immediatamente con la Protezione civile”

Contrada Canalicchio a Cammarata

“In Sicilia basta un’alluvione per mettere sul lastrico la già flebile economia del territorio e isolare intere comunità. Da 43 giorni, aziende e paesi sono irraggiungibili a causa di strade letteralmente spazzate via sulle quali nessuno interviene. Musumeci si attivi immediatamente con la protezione civile”. A dichiararlo sono i deputati regionali del Movimento 5 Stelle Giovanni Di Caro e Matteo Mangiacavallo che incalzano il governo regionale ad intervenire per ripristinare i collegamenti in due aree dell’Agrigentino, la Canalicchio a Cammarata e la SP 48 di Castronovo di Sicilia, isolate dal maltempo delle scorse settimane. “C’è un’azienda  agricola che si chiama Mangiapane che produce uno dei migliori formaggi siciliani - spiegano Di Caro e Mangiacavallo - rischia di chiudere a causa del maltempo che, due mesi fa ha interrotto i collegamenti con il caseificio. Le due strade che portano all'azienda, una comunale e una provinciale, sono totalmente dissestate e impraticabili. Il Comune e il Libero Consorzio della provincia di Agrigento, non hanno un minimo di disponibilità finanziaria per rendere agibili le strade di accesso all'azienda e i proprietari hanno enormi difficoltà per nutrire gli animali, trasportare il gas per la produzione del formaggio. Chiusa anche una bellissima fattoria didattica che, fino a poco tempo fa, veniva visitata da decine di scolaresche, perché nessuno può più raggiungere il sito.
Sempre dal 3 novembre il torrente Bosco, in località Cammarata risulta ostruito e deviato su due strade provinciali tra cui la SP48 di Castronovo di Sicilia dove è isolata un’altra azienda casearia d’eccellenza ovvero quella del signor Passalacqua che produce la famosa Tuma Persa. Occorre intervenire urgentemente per evitare altri morti ed altri disastri. Gli allevamenti bovini e ovini sono a rischio così come la produzione del famoso formaggio di mucca. Chiedo quindi al Presidente Musumeci - concludono Di Caro e Mangiacavallo - di attivarsi con la Protezione Civile per salvare queste eccellenze della nostra isola e scongiurare la chiusura delle aziende di questi territori”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento