menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Consiglio provinciale:  Bocciato il Consuntivo 2010

Consiglio provinciale: Bocciato il Consuntivo 2010

Consiglio provinciale: Bocciato il Consuntivo 2010

Hanno votato a favore solo 8 dei 22 consiglieri presenti, mentre si sono astenuti gli altri 14...

Seduta del Consiglio provinciale di ieri sera caratterizzata dalla mancata approvazione del Rendiconto finanziario dell’esercizio 2010, più noto come conto consuntivo, e da un articolato dibattito nell’aula “Pellegrino”, compreso un vivace scambio di battute tra l’assessore provinciale Lillo Volpe e il presidente del Consiglio Provinciale Raimondo Buscemi, che, secondo Volpe, “non è imparziale e non sa garantire il regolare andamento dei lavori”. Buscemi dal canto suo ha replicato di essere sempre stato super partes, lamentando la “mancanza di cortesia istituzionale dell’Amministrazione attiva nei confronti del Consiglio”.

Molto articolato il dibattito sul rendiconto finanziario, punto prelevato su richiesta del consigliere Bennici (Pdl). Il presidente del Consiglio Raimondo Buscemi ha rilevato come lo stesso documento sia pervenuto alla Presidenza del Consiglio solo lo scorso 10 agosto, e che lo stesso è stato inserito all’ordine del giorno della seduta di ieri con tempestività. Sul rendiconto ha relazionato l’assessore Angelo Biondi, in sostituzione dell’assessore al Bilancio e Finanze, evidenziando come la situazione finanziaria dell’Ente non sia deficitaria e che l’avanzo di amministrazione è di 12 milioni e 670 mila euro, frutto di residui del precedente avanzo e di ratei passivi chiusi. Di questi solo una parte potranno essere destinati ad investimenti, in sede di assestamento di bilancio, in quanto vincolati dal Patto di Stabilità.

“L’Amministrazione D’Orsi – ha detto Biondi – ha operato nel pieno rispetto dei vincoli del Patto di Stabilità, nel prosieguo dell’azione di risanamento avviata sin dal suo insediamento. La quota da destinare a nuovi investimenti sarà oggetto di un attento confronto con il Consiglio e le Commissioni in sede di assestamento di bilancio”. I dettagli tecnici sono stati invece illustrati dal Direttore dell’Ufficio Finanze Fabrizio Caruana.

Roberto Gallo (Destra) ha lamentato il ritardo con cui la proposta sul rendiconto è stata trasferita all’esame del Consiglio Provinciale, invitando l’Amministrazione ad essere in futuro più sollecita ed evitare così la diffida da parte della Regione, che ha già nominato un commissario ad acta per l’approvazione del rendiconto.

Ivan Paci (Pdl) ha evidenziato come la Giunta D’Orsi navighi a vista, “regna l’improvvisazione e anche stavolta non v’è traccia dell’Assessore al Bilancio”. Anche Carmelo D’Angelo (Indipendente) ha espresso contrarietà per l’assenza dell’assessore Lo Faso (“assente anche per l’esame del Bilancio 2011”), pur apprezzando la presenza in aula degli assessori Volpe, Biondi e Alaimo, e ha chiesto se il Patto di Stabilità non obblighi, di fatto, la Provincia esclusivamente a risanare, visto che non può spendere se non in minima parte.
 
Ezio Di Prima (Patto per il Territorio) ha espresso perplessità sui contenuti della relazione di Biondi: “Esiste un problema politico, il Consiglio non può limitarsi ad approvare solo Bilancio e conto consuntivo”. Secondo Arturo Ripepe (Pid) Giunta e Consiglio non dialogano: “Il mio è un voto di astensione perché nessuno ha illustrato seriamente la proposta. assessori e consiglieri sono espressioni del territorio e devono dare risposte ai cittadini. D’Orsi prima di rilasciare certe dichiarazioni sull’attività del consiglio provinciale rifletta, perché rischia di alimentare la sfiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni”. Per Matteo Ruvolo (Patto) “il dialogo tra Amministrrazione e Consiglio è fondamentale: da tempo è un dialogo difficile, e i cittadini, di fatto, non conoscono il nostro operato. Siamo spiazzati, ci aspettavamo notizie su come si intenda spendere l’avanzo di amministrazione”.
 
“Ho votato, nonostante il mio ruolo di consigliere d’opposizione, molte proposte della Giunta” ha detto Carmelo Avarello di Sel “esclusivamente per senso di responsabilità, ma nonostante ciò continuo a rilevare una totale mancanza di coinvolgimento del Consiglio in alcune scelte fondamentali”.

Pellegrino Quartararo (Mpa) ha evidenziato come in fondo il rendiconto sia lo specchio dell’attività amministrativa del 2010. “Per coerenza – ha detto – dovrebbe essere votato favorevolmente da tutti i consiglieri, soprattutto da coloro che allora erano in maggioranza e hanno presentato emendamenti approvati dallo stesso Consiglio”. Orazio Guarraci (Fds) ha invitato il Consiglio a non trascinare sul terreno di uno scontro politico  il voto su un documento tecnico-finanziario. “La sua bocciatura – ha avvertito – oltre a suscitare nuove polemiche, non potrà che aumentare la sfiducia dei cittadini”.

Alla fine il rendiconto 2010 non ha superato l’esame dell’aula consiliare. Hanno votato a favore infatti solo 8 dei 22 consiglieri presenti, e cioè Montaperto, Nobile, Camilleri, Di Ventura, Guarraci, Vinci, Militello e Quartararo, mentre si sono astenuti gli altri 14 (Avarello, Bennici, Buscemi, Paci, Testone, Lo Leggio, Carmelo D’Angelo, Ripepe, Ruvolo, Di Prima, Giovanni D’Angelo, Riccardo Gallo, Picone e Roberto Gallo), essendo necessario il voto favorevole di almeno 12 consiglieri.

Su proposta del consigliere Bennici i lavori sono stati, quindi, rinviati al prossimo 13 settembre alle 18.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento