Il palazzo del Libero consorzio comunale di Agrigento
Politica

Biologia marina ed educazione all'ambiente, conclusa la formazione dei docenti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Si è conclusa ieri a Messina la fase di formazione dei docenti delle scuole siciliane aderenti al programma di Educazione Ambientale “Scopri-Tarta”, previsto dall’azione E3 del progetto UE “Tartalife -Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale” (LIFE12 NAT/IT/000937), e coordinato per la Sicilia dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento. La formazione è stata curata dallo staff del Settore Ambiente e dalla prof.ssa Daniela Freggi, esperta in biologia marina e nel recupero delle tartarughe marine, che si è aggiudicata la selezione per titoli dell’incarico di Formatore. Oltre 100 le classi della Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado di tutta la Sicilia che hanno aderito al programma e che dovranno presentare gli elaborati entro il 31 marzo prossimo.
Il concorso è basato sulla conoscenza della biologia della tartaruga marina e dei problemi di conservazione che riguardano la popolazione nel Mediterraneo, in preoccupante calo numerico a causa delle catture accidentali effettuate con le attrezzature tradizionali della pesca professionale, e stimate in oltre 130.000 l’anno.
Il “Tartalife” è il quinto dei progetti LIFE ai quali ha partecipato l’ex Provincia Regionale di Agrigento grazie all’impegno e alla professionalità del Settore Ambiente nelle attività di conservazione della biodiversità e degli ambienti marini. E’ finanziato dall'Unione Europea con il contributo dello strumento LIFE+ NATURA 2012 della Commissione Europea, ed è cofinanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - Direzione Generale Pesca, e dalla Regione Marche. L’ente capofila è il CNR-ISMAR, i partner sono Libero Consorzio di Agrigento, Ente Parco Nazionale dell'Asinara, Fondazione Cetacea, Area Marina Protetta Isole Egadi, Legambiente, AMP Isole Pelagie (Ente Gestore Comune di Lampedusa e Linosa) e Consorzio UNIMAR.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biologia marina ed educazione all'ambiente, conclusa la formazione dei docenti

AgrigentoNotizie è in caricamento