Decreto Sicurezza, Ficara e Sodano: "Le barche sequestrate potranno essere riutilizzate"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

"È un emendamento importante – spiegano Paolo Ficara e Michele Sodano, rispettivamente deputati nazionali del M5S di Siracusa e Agrigento – perché fino ad ora queste imbarcazioni, anche se in buone condizioni, venivano obbligatoriamente distrutte con costi a carico dello Stato. Molte di queste, invece, come ci hanno fatto notare numerosi enti del terzo settore, possono essere riutilizzate e cominciare una nuova vita grazie all'acquisizione da parte delle associazioni che si occupano di ambiente, tutela delle coste e iniziative in ambito sociale”.

L'emendamento permette quindi di contenere i costi per lo Stato relativi allo smaltimento delle imbarcazioni utilizzate per reati di immigrazione clandestina e di limitare i danni all’ambiente derivanti dallo stato di abbandono di molte delle suddette navi, spesso esposte per lungo tempo alle intemperie. “Abbiamo cercato di fornire uno strumento concreto alle numerose associazioni che operano nel territorio per fini di utilità sociale, naturalmente purché siano in possesso dei necessari requisiti. Siamo sicuri che la nostra modifica potrà dare il via a progetti di natura sociale in grado di generare anche nuovi posti di lavoro in chiave turistico/ambientale ed infine, di riflesso, di attivare un consistente sviluppo dell’indotto artigianale, collegato al recupero di queste imbarcazioni.”, concludono i Parlamentari Ficara e Sodano del Movimento 5 Stelle.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento