rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Politica

Ato idrico, Di Rosa chiama a raccolta tutti i consiglieri comunali dell'Agrigentino

Il consigliere comunale del Pdl di Agrigento ha scritto a tutti i colleghi consiglieri dei vari consessi dei Comuni appartenenti all'Ato idrico, invitandoli ad un'assemblea permanente per discutere della proposta di regolamento

 

"La mia è una vera e propria sfida a quella politica di cui faccio anche parte, ma che ad oggi ha fatto poco di concreto per sistemare la vicenda dell'acqua ad Agrigento". Il consigliere comunale del Pdl di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, vuole metterci la faccia. Ha preso carta e penna ed ha scritto a tutti i colleghi consiglieri dei vari consessi dei Comuni appartenenti all'Ato idrico, invitandoli ad un'assemblea permanente che avrà inizio alle 19 di mercoledì 22 febbraio nell'aula "Silvia Pellegrino" della Provincia regionale di Agrigento. 
 
"Lo scopo – ha spiegato Di Rosa stamani in una conferenza stampa è quello di discutere della 'proposta di regolamento' che potrebbe essere messa al voto del Consiglio di amministrazione dell'Ato il prossimo 28 febbraio".
 
Di Rosa, nella presentazione della sua iniziativa, sottolinea anche che "nessuno è costretto a partecipare, ma che invece di fare pura demagogia con interviste e 'scontrarsi' sulla questione delle tariffe, sarebbe bene soffermarci tutti sull'argomento con più concretezza, cercando di mettere fine a questo problema".
 
Il consigliere comunale del Pdl ha poi preso in esame alcune vicende accadute dal 1994 ad oggi; in quell'anno, infatti, vennero stabiliti i criteri per la tutela e l'uso delle Giuseppe Di Rosarisorse idriche in seguito alla legge Galli. Di Rosa parla, ad esempio, dei Comuni che ancora oggi non hanno consegnato le reti idriche alla Girgenti acque (Alessandria della Rocca, Aragona, Bivona, Burgio, Camastra, Cammarata, Cianciana, Joppolo Giancaxio, Lampedusa, Menfi, Palma di Montechiaro, San Biagio Platani, Santa Elisabetta, Santa Margherita Belice, Sant'Angelo Muxaro e Santo Stefano Quisquina) e che, quindi, continuano con la gestione tramite lo stesso Comune o l'Eas. 
 
"Bisogna capire perché questi Comuni ancora oggi non hanno consegnato le reti idriche alla Girgenti acque e soprattutto bisogna capire se alla base c’è o no un problema politico" ha affermato il consigliere comunale del Pdl, che inviterà i colleghi a parlare anche delle assunzioni nelle partecipate e dei doppi incarichi dei dirigenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ato idrico, Di Rosa chiama a raccolta tutti i consiglieri comunali dell'Agrigentino

AgrigentoNotizie è in caricamento