menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Comune Favara:  Approvati gli equilibri di bilancio 2011 in Consiglio-2

Comune Favara: Approvati gli equilibri di bilancio 2011 in Consiglio-2

Comune Favara: Approvati gli equilibri di bilancio 2011 in Consiglio

E' stato inevitabile non parlare del violento acquazzone che si è abbattuto in città

Erano 24 i consiglieri presenti all’interno della sala del collare presso il castello di Chiaramonte, a Favara, devo si sono svolti i lavori del Consiglio comunale a causa dell’allagamento dell'aula Falcone- Borsellino.

Aperti i lavori da parte del presidente del Consiglio, è stato praticamente inevitabile non parlare del violento acquazzone che si è abbattuto in città. Diversi consiglieri comunali sono intervenuti in merito. Dai loro interventi è uscito un unico denominatore comune. “A Favara urgono interventi urgenti per ripristinare i filtraggi d’acqua, e per questo bisogna tenere alta la tensione con le autorità superiori” affermano i consiglieri.

Durante i vari interventi è stato chiamato in causa l’assessore ai lavori pubblici Enzo Biancucci. Quest’ultimo ha sottolineato come “in quelle zone di Favara, dove le caditoie hanno funzionato, sono scoppiati i tombini”. In seno ai danni, si valuta la possibilità di chiedere lo stato di calamità. È intervenuto al dibattito anche il sindaco. Manganella ha spiegato come si è mossa l’amministrazione durante il nubifragio. “Praticamente tutta la giunta era sparpagliata in giro per il paese in modo da monitorare i danni” afferma il sindaco, ed aggiunge che "sono stati immediatamente allertati carabinieri, protezione civile e vigili del fuoco”.

Si lamenta l’assenza delle autorità soprattutto della prefettura di Agrigento "che spesso dimentica che Favara fa parte delle provincia” conclude il sindaco. Quest’ultimo ha annunciato che stamattina firmerà un’ordinanza di estrema urgenza per sistemare le caditoie.

Successivamente si è passati ai punti dell’ordine del giorno. Si è discussa ed approvata la verifica degli equilibri di bilancio per l’esercizio finanziario 2011. È stato importante il dibattito sulla mozione 189, ovvero la cosiddetta “strada della morte”. Priorità dell’amministrazione è quella di metterla in sicurezza. L’idea è quella di fare un Consiglio comunale congiunto con tutti gli altri comuni interessati ad una corretta viabilità della strada. Il Consiglio di protesta si dovrebbe tenere a San Pietro, nei pressi di Cammarata.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento