rotate-mobile
Politica

Alternativa popolare del ministro Alfano non esiste più: scissione effettuata

Lo scioglimento di Ap toglie uno degli ultimi ostacoli alla formazione della "quarta gamba" già benedetta ufficiosamente da Silvio Berlusconi

A nove mesi dalla sua fondazione Alternativa Popolare mette la parola fine alla sua esistenza. Lo fa in una direzione lampo in cui i centristi trovano una "separazione consensuale" che porta la "mozione" di Beatrice Lorenzin e quella di Maurizio Lupi ad imboccare la strada del Nazareno e quella di Arcore. Lo riporta l'Ansa. I gruppi, recita il documento votato all'unanimità, restano infatti invariati e al nome attuale "Ap-Centristi per l'Europa-Ncd" sarà aggiunto, rispettivamente alla Camera e al Senato, il nome della forza che correrà nel centrodestra e quello della formazione che entrerà nel centrosinistra.

Lo scioglimento di Ap toglie uno degli ultimi ostacoli alla formazione della "quarta gamba" che, benedetta ufficiosamente da Silvio Berlusconi, conterà su Costa, Fitto, Zanetti, Quagliariello. "Non mettersi insieme sarebbe da irresponsabili" - avverte Lupi, tra i candidati ad un ruolo di leadership della forza di centro. Ora toccherà a Lupi e Lorenzin verificare la forza delle proprie mozioni sul territorio.

Il ministro degli Affari Esteri, in Sicilia, conta sull'apporto di Giuseppe Castiglione e Dore Misuraca. Resta il nodo dei simboli Ap e Ncd, sui quali il documento chiede un supplemento di tempo e che sono in capo al presidente Angelino Alfano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alternativa popolare del ministro Alfano non esiste più: scissione effettuata

AgrigentoNotizie è in caricamento