menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Delegazione Psi:  Al congresso provinciale "Le idee per cambiare"

Delegazione Psi: Al congresso provinciale "Le idee per cambiare"

Delegazione Psi: Al congresso provinciale "Le idee per cambiare"

All'avvicinarsi delle elezioni comunali, il partito si dimostra disposto a collaborare con le...

E' a partire dai principi cui si ispira il socialismo e il "Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali", che stasera il neo segretario provinciale del Partito socialista, Angelo Bellanti, ha voluto aprire la discussione al congresso provinciale.

La situazione politico-socio-economica percepita ogni giorno si allontana dai valori decantati dal partito, un partito che parla ancora di ideali. Lo spirito critico che ha accompagnato la sinistra in questi anni di opposizione al governo di Berlusconi, è stato ribadito, cercando in qualche modo e con qualche difficoltà a non fermarsi alla mera osservazione. "I socialisti - afferma Bellanti - hanno proposto al nuovo governo l'introduzione della imposta patrimoniale e la tassazione equa delle rendite finanziarie al fine di finanziare gli investimenti nelle infrastruttre, nella sicurezza sociale, nella scuola, ricerca e nella cultura".

Dal congresso è emerso però come la ricostruzione dell'Italia post-berlusconiana da parte del Partito, appare ancora debole, rispetto a quanto richiesto dai giovani, dai mercati, dal mondo dell'istruzione e dell'impresa. Anche Agrigento e i problemi della città sono stati affrontati con la stesso atteggiamento, critico sì, ma scarso di proposte concrete e particolari, quelle proposte che tradotte in fatti riportano il cittadino a riavvicinarsi alla politica e a credere che ideali e valori possano essere realmente il nerbo della politica.

All'avvicinarsi delle elezioni comunali, il partito si dimostra disposto a collaborare con le coalizioni di centrosinistra, proponendo "un dialogo costruttivo ed edificante per la città", afferma Bellanti. Intanto si avvicinano il congresso regionale a Enna, fissato per giorno 27 novembre, e poi quello nazionale a Fiuggi il 2, 3 e 4 dicembre.

"La crisi finanziaria che ha colpito il Paese - dichiara nell'intervista Giovanni Palillo, segretario regionale del Psi - ha determinato lo spostamento massiccio di risorse dal sud al nord per pagare la cassa integrazione dei lavoratori. Noi chiediamo al governo Monti di riequilibrare questa situazione. In Sicilia un quarto delle famiglie attraversa fasi di povertà, la disoccupazione giovanile è la più alta d'Europa. Sono comunque molto fiducioso perchè abbiamo affidato alle donne e ai giovani il partito socialista, affinchè possa riprendere con forza quel ruolo che ha avuto in passato".
 
Presente Carmen Bella, segretario cittadino del partito che ha aperto i lavori del congresso; Salvatore Lombardo, coordinatore dei circoli socialisti della provincia; le delegazioni dei sindacati Uil, Cgil; i giovani appena iscritti al partito come Felice Costanzino e Patrizia Lo Nobile che hanno preso la parola. Vicino al Psi anche il Movimento progressista, di cui era assente la segretaria provinciale Vittoria Calogera Fiaccabrino.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento