Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza migranti, Musumeci: "Stanchi di essere la porta d'Europa solo sotto l'aspetto umanitario"

Il presidente della Regione, in città per il meeting di DiventeràBellissima, annuncia che si recherà anche a Siculiana per un sopralluogo nel centro “Villa Sikania”

 

Il governatore della Regione, Nello Musumeci, è stato ad Agrigento per ascoltare il territorio: sindaci, amministratori, ma anche imprenditori ed esempi positivi per il sociale. Un passaggio squisitamente politico - promosso dal gruppo Ars di DiventeràBellissima - sul tema "Dal buon governo della Regione: gli impegni mantenuti, gli obiettivi da raggiungere". La presenza di Musumeci è stata, inevitabilmente, l'occasione - specie dopo la morte del giovane eritreo, ospite del centro d'accoglienza "Villa Sikania" - per riparlare del fenomeno immigrazione e hotspot. 

"Andrò a Siculiana, abbiamo in calendario 15 tappe. Esistono, nella nostra isola, 42 centri d'accoglienza in condizioni spesso squallide. L'obiettivo è quello di guardare qual è la realtà nella quale, per 10 anni, lo Stato ha scaraventato i migranti -  ha detto, ai microfoni di AgrigentoNotizie, il presidente della Regione - . Siamo stanchi – dice -  di essere la porta d’Europa soltanto sotto l’aspetto umanitario. Ne abbiamo ricevuti venti mila negli ultimi otto mesi, non c’è pattugliamento nel mare Mediterraneo e non c’è una politica estera che consenta ai Paesi del nord Africa di bloccare le partenze. Gli altri Paesi europei fanno finta di essere in Asia o in Australia, quindi per loro il problema immigrazione non è un tema".  

Investito e ucciso dopo la fuga da Villa Sikania, la Questura: "L'automobilista non s'è fermato all'Alt"
Investito e ucciso dopo la fuga da Villa Sikania, la Questura: "L'automobilista non s'è fermato all'Alt"

Il drammatico fenomeno dell’immigrazione – aggiunge Musumeci - continuerà ancora nei prossimi anni. Ecco perché il tema va posto in sede internazionale, ma non o può fare la Regione, spetta al governo nazionale. Se ha il coraggio di farlo”.

All'incontro erano presenti anche gli onorevoli Gino Ioppolo e Giuseppe Catania, l’assessore alla Salute Ruggero Razza e i deputati regionali Alessandro Aricò, Giusy Savarino, Giorgio Assenza, Pino Galluzzo e Giuseppe Zitelli.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento