menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agrigento, botta e risposta tra La Scala e Virone: «Il vicesindaco dica se la costruzione è conforme alla legge»

Prosegue il "botta e risposta" tra il consigliere grillino Marcello La Scala e il vicesindaco Elisa Virone sul presunto abuso edilizio in atto consumato al Villaggio Mosè e per il quale La Scala ha presentato un esposto in Procura

Prosegue il "botta e risposta" tra il consigliere grillino Marcello La Scala e il vicesindaco Elisa Virone sul presunto abuso edilizio in atto consumato al Villaggio Mosè e per il quale La Scala ha presentato un esposto in Procura.

«La nota a firma del vicesindaco del Comune di Agrigento, Elisa Virone, lascia senza parole - scrive La Scala - soprattutto se si pensa che tali affermazioni provengono da un'esercente la professione forense.
La dottoressa Virone non deve nascondersi dietro il dito, rappresentato da una sentenza del Tar di Palermo che, come noto, non ha assolutamente detto che in quella porzione di territorio di Agrigento si possa realizzare un insediamento commerciale ma, piuttosto, deve rispondere ad una semplice domanda: quella costruzione è, Prg alla mano, legittima o no?

E, ancora,  condivide il pensiero dei dirigenti del Comune di Agrigento, Principato e Greco, che all'unisono hanno precisato come in quella porzione di territorio non si possa realizzare alcun insediamento commerciale, - dice ancora La Scala - oppure la pensa diversamente? E se la pensa diversamente, da responsabile dell'Urbanistica, perché non invita i propri dirigenti a rilasciare l'atto concessorio alla società che sta eseguendo i lavori in questione?

E se si dovesse appurare in un futuro più o meno prossimo che quell'immobile sia stato realizzato contra legem, chi ripagherà il Comune di Agrigento per l'ennesimo scempio ambientale?
Quindi, si invita il vicesindaco di Agrigento, Elisa Virone, a non vestire i panni del Ponzio Pilato di turno, ma ad assumersi tutte le proprie responsabilità chiarendo a tutti gli agrigentini per bene, se quella costruzione è conforme alla legge e al Prg vigente, oppure vada immediatamente e senza indugio bloccata
».
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento