Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Abbattimento degli alberi in città, Di Rosa presenta una nuova denuncia

"Qualsiasi tipo di intervento nelle aree interessate - dice - va preventivamente autorizzato per non incorrere a sanzioni di natura penale, previste dalla normativa vigente"

Alcune delle piante abbattute

Abbattimento di alberi in diverse zone della città, il movimento Mani Libere non molla e anzi rilancia, chiedendo alle autorità competenti di valutare il comportamento del Comune, da loro ritenuto potenzialmente in contrasto con le normative paesaggistiche.

Il movimento, che fa capo all'ex consigliere comunale Giuseppe Di Rosa, con una nuova nota, evidenzia che "dall’adozione del Piano Paesaggistico, non sono consentiti nelle aree di cui sopra interventi in contrasto con le prescrizioni di tutela previste nel piano stesso, infatti, il taglio degli alberi nelle aree di cui sopra ed in quella storica denominata Porta di Ponte (villetta bar Portapò ed adiacenze via Francesco Crispi, Villaggio Peruzzo, San leone, via Esseeneto, etc etc ) ricadono rispetto al testo unico dei beni culturali in aree di interesse storico artistico(art. 10 comma 3-parte seconda del testo unico dei BB. CC.) oltre che paesaggistico di cui all’Art. 136 dello stesso Decreto Lgs. 42/2004". Pertanto "qualsiasi tipo di intervento nelle aree citate va preventivamente autorizzato per non incorrere a sanzioni di natura penale, previste dalla normativa vigente".

Per questo il Movimento, in una lettera indirizzata alla Procura, alla Soprintendenza e al comando di Polizia municipale, ha quindi "denunciato il modus operanti del Comune di Agrigento e dei suoi amministratori", a "salvaguardia dell’interesse pubblico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbattimento degli alberi in città, Di Rosa presenta una nuova denuncia

AgrigentoNotizie è in caricamento