"Investì concittadino durante un litigio", il Riesame: l'indagato resta ai domiciliari

I difensori, gli avvocati Carmelo Carrara e Pasquale Modderno, avevano chiesto l'annullamento della misura cautelare per mancanza di esigenze cautelari e di pericolo di reiterazione del reato

Resta ai domiciliari Giuseppe Abate, 32 anni, di Santa Margherita Belice. Lo ha stabilito - secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia - il tribunale del Riesame di Palermo rigettando la richiesta di revoca della misura che era stata avanzata dai suoi difensori. Durante un litigio avvenuto per strada, a Santa Margherita Belice, avrebbe investito con l'auto un uomo procurandogli lesioni gravissime. 

"Investe un 38enne con l’auto durante un litigio": arrestato un imprenditore agricolo

Al tribunale del Riesame di Palermo i suoi difensori, gli avvocati Carmelo Carrara e Pasquale Modderno, hanno chiesto l'annullamento della misura cautelare emessa a suo carico per la mancanza di esigenze cautelari e di pericolo di reiterazione del reato. La linea difensiva è che il trentaduenne sarebbe stato minacciato dall'altra persona. L'investito, un trentottenne del centro belicino, è finito in elisoccorso a Villa Sofia a Palermo, in prognosi riservata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento