Mani libere non si ferma: "Adesso recuperiamo il monumento ai caduti"

Secondo il movimento l'amministrazione non è stata capace di interessarsi di alcuni grandi beni della città

"Visto che il comune e la sua Amministrazione non hanno saputo dare dignità neppure al Monumento ai Caduti in Guerra di Agrigento, lo facciamo noi”. Il Coordinamento "Mani libere", dopo l'intervento realizzato alla fontana del Campo sportivo punta in "alto" e chiede di poter intervenire per il recupero della grande struttura di Villa Bonifilio.

"Mentre ad Agrigento l’Amministrazione ha voluto fortemente investire in una scalinata adornata con ceramiche che nulla hanno a che vedere con la nostra città e intrapreso altre iniziative costose tralasciando un seppur minimo recupero di opere di interesse storico culturale della nostra città, palesando che il monumento ai Caduti in Guerra per loro non vale nulla come nulla vale il recupero del leone dormiente di piazza Purgatorio - dicono ancora - noi invece vogliamo ridare dignità ad un monumento che ha fatto la storia della nostra città".

Come questo recupero debba avvenire, con quale progetto, con quali risorse, al momento non è noto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento