Centro di compostaggio sequestrato, il sindaco: "Controlli sempre attivati"

Giuseppe Portella, assieme a tutto il suo Esecutivo, prende le distanze dalle strumentalizzazioni che mirano a danneggiare l’immagine del paese

“Abbiamo attivato, nel corso degli anni di funzionamento dell’impianto di compostaggio, tutte le attività necessarie al controllo dell’inquinamento ambientale, delle falde e dell’aria nel territorio”. Lo scrive – esprimendo fiducia nel lavoro del magistratura - il sindaco di Joppolo Giancaxio, Giuseppe Portella, assieme a tutto il suo Esecutivo. Amministrazione che prende le distanze dalle strumentalizzazioni che mirano a danneggiare l’immagine di Joppolo. 

Legambiente lancia l'allarme: "Joppolo Giancaxio? Terra dei fuochi"

Lo scorso 11 maggio, l’impianto venne sottoposto a sequestro. A notificare il decreto - firmato dal Gip del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, su richiesta della Procura, – fu la Digos.

IL VIDEO. Scatta il sequestro del centro di compostaggio 

“La nascita e il funzionamento dell’impianto di compostaggio, nel territorio di Joppolo Giancaxio, è stata salutata come un evento positivo da parte delle popolazioni e amministrazioni del circondario perché avrebbe potuto risolvere i problemi di smaltimento della parte umida dei rifiuti con il riutilizzo,in agricoltura, del compost trattato – ha spiegato Portella - . Nessuno si sarebbe aspettato che l’impianto potesse operare non seguendo i criteri stabiliti dalle normative. Molte volte, nel corso del funzionamento, i cittadini della zona hanno segnalato la presenza di cattivi odori e di possibili carenze. Non avendo un ufficio idoneo ad effettuare analisi e verificare la situazione tecnica dell’impianto, ho chiesto l’intervento degli organi alla vigilanza ambientale e al monitoraggio dell’inquinamento. Nel 2016, in seguito a dei controlli effettuati sui terreni, c’è stato un sequestro dell’area e un giudizio di fronte al tribunale di Agrigento. L’esito è stato: regolare gestione, l’area è stata dissequestrata e l’impianto ha ripreso a funzionare”.

Danni ambientali, il deputato Di Caro presenta interrogazione

Poi, quest’anno, il nuovo sequestro. “Verso la fine dell’estate scorsa, sono stati segnalati degli incendi in un’area vicina all’impianto di compostaggio – conclude Portella – e ho fatto la segnalazione alle forze dell’ordine che sono intervenute”. 

Smaltimento dei rifiuti e inquinamento, sequestrato il centro di compostaggio 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento