Centro di compostaggio sequestrato, il sindaco: "Controlli sempre attivati"

Giuseppe Portella, assieme a tutto il suo Esecutivo, prende le distanze dalle strumentalizzazioni che mirano a danneggiare l’immagine del paese

“Abbiamo attivato, nel corso degli anni di funzionamento dell’impianto di compostaggio, tutte le attività necessarie al controllo dell’inquinamento ambientale, delle falde e dell’aria nel territorio”. Lo scrive – esprimendo fiducia nel lavoro del magistratura - il sindaco di Joppolo Giancaxio, Giuseppe Portella, assieme a tutto il suo Esecutivo. Amministrazione che prende le distanze dalle strumentalizzazioni che mirano a danneggiare l’immagine di Joppolo. 

Legambiente lancia l'allarme: "Joppolo Giancaxio? Terra dei fuochi"

Lo scorso 11 maggio, l’impianto venne sottoposto a sequestro. A notificare il decreto - firmato dal Gip del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, su richiesta della Procura, – fu la Digos.

IL VIDEO. Scatta il sequestro del centro di compostaggio 

“La nascita e il funzionamento dell’impianto di compostaggio, nel territorio di Joppolo Giancaxio, è stata salutata come un evento positivo da parte delle popolazioni e amministrazioni del circondario perché avrebbe potuto risolvere i problemi di smaltimento della parte umida dei rifiuti con il riutilizzo,in agricoltura, del compost trattato – ha spiegato Portella - . Nessuno si sarebbe aspettato che l’impianto potesse operare non seguendo i criteri stabiliti dalle normative. Molte volte, nel corso del funzionamento, i cittadini della zona hanno segnalato la presenza di cattivi odori e di possibili carenze. Non avendo un ufficio idoneo ad effettuare analisi e verificare la situazione tecnica dell’impianto, ho chiesto l’intervento degli organi alla vigilanza ambientale e al monitoraggio dell’inquinamento. Nel 2016, in seguito a dei controlli effettuati sui terreni, c’è stato un sequestro dell’area e un giudizio di fronte al tribunale di Agrigento. L’esito è stato: regolare gestione, l’area è stata dissequestrata e l’impianto ha ripreso a funzionare”.

Danni ambientali, il deputato Di Caro presenta interrogazione

Poi, quest’anno, il nuovo sequestro. “Verso la fine dell’estate scorsa, sono stati segnalati degli incendi in un’area vicina all’impianto di compostaggio – conclude Portella – e ho fatto la segnalazione alle forze dell’ordine che sono intervenute”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Smaltimento dei rifiuti e inquinamento, sequestrato il centro di compostaggio 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento