"Giornate Fai di primavera", sold out per il Parco ferroviario di Porto Empedocle

Sono stati quasi 4000, 3.805 per l’esattezza, gli accessi registrati in occasione della due giorni organizzata da Fondazione Fs 

Sono stati quasi 4000, per l’esattezza 3.805, gli accessi registrati al Parco Ferroviario di Porto Empedocle centrale in occasione della due giorni organizzata da Fondazione Fs in occasione delle Giornate Fai di Primavera. “I treni storici che hanno fatto la spola continua tra la Agrigento, la Valle dei Templi e Porto Empedocle hanno fatto registrare il sold out, segno che gli agrigentini sono molto legati alla loro ferrovia turistica e non hanno voluto perdere l’occasione di salire a bordo in una giornata speciale”. E’ il commento del direttivo dell’associazione Ferrovie Kaos che per anni si è spesa per la salvaguardia e il recupero dell’ottocentesco impianto ferroviario.

"Giornate Fai di primavera", i tesori dell'Agrigentino presi d'assalto 

“Esprimiamo la nostra più sentita gratitudine alla Fondazione Fs, ed in particolare al direttore generale Luigi Cantamessa e al responsabile del servizio Infrastrutture e Lavori Sabato Gargiulo per gli importanti interventi di manutenzione posti in essere e che hanno reso la stazione di Porto Empedocle un sito meraviglioso, accogliente, a misura di visitatore. Il nostro auspicio – si legge ancora – è che si possa procedere  a passi spediti verso la realizzazione del grande Parco Ferroviario”.

“Un grande plauso va inoltre ai volontari del Fai, ed in particolare ai giovani 'ciceroni' empedoclini, che hanno guidato i visitatori alla scoperta dell’impianto dimostrando grande amore per la storia della loro antica stazione ferroviaria, oggi preservata e destinata a trasformarsi in un grande parco a servizio della collettività” - conclude la nota -.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Fondazione FS ha esposto il progetto di valorizzazione del sito che prevede la realizzazione di importanti strutture all’interno dei fabbricati che un tempo ospitavano i lavoratori della Fondazione FS. La Stazione di Porto Empedocle, fino agli anni 80 dello scorso secolo, era uno dei più importanti nodi della Sicilia per quanto concerne il traffico merci. Dismessa dalla metà degli anni ’90, è tornata a nuova vita circa un decennio addietro grazie all’avvio dei primi servizi turistici. Dal giugno del 2014 la linea Agrigento Bassa – Porto Empedocle è stata inaugurata come ferrovia turistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento