"Contatori manomessi e furto di corrente", assolta una donna "per non aver commesso il fatto"

La difesa, rappresentata dall'avvocato Eduardo Cirino, ha fatto emergere che l'intestaria del contratto risultava estranea a tutta la vicenda in quanto domestica dell'abitazione e non poteva trarne alcun profitto 

Il giudice monocratico Infantino del tribunale di Agrigento ha assolto l'agrigentina, A. F. per non aver commesso il furto aggravato di energia elettrica. 

L'inchiesta venne aperta dopo un un controllo, da parte dei funzionari dell'Enel Energia coadiuvati dai carabinieri di Agrigento, nell'ambito delle verifiche volte a reprimere la manomissione dei contatori. In un immobile di Agrigento vennero, dunque, ritrovati due conduttori unipolari in rame collegati direttamente con la rete elettrica baypassando il contatore dell'abitazione in modo da eludere la registrazione dei consumi. Gli imputati, citati a giudizio, vennero accusati di furto aggravato di energia elettrica continuato in concorso tra il proprietario dell'immobile e l'intestatario dell'utenza dell'abitazione. 

Dall'istruttoria dibattimentale, la difesa di A. F. - rappresentata dall'avvocato Eduardo Cirino - ha fatto emergere che l'intestaria del contratto di fornitura elettrica risultava estranea a tutta la vicenda in quanto mera domestica dell'abitazione e non poteva trarne alcun profitto. Il tribunale di Agrigento, accogliendo dunque le tesi difensive dell'avvocato Eduardo Cirino, ha assolto F. A. "per non avere commesso il fatto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento