La fognatura non c'è, le multe però arrivano: faccia a faccia con il prefetto

Il massimo rappresentane dell'ufficio territoriale del Governo si è "impegnato ad intervenire nei confronti del Libero consorzio comunale per esaminare la possibilità di bloccare i procedimenti sanzionatori" 

La fognatura non c'è. Le multe - proprio per la mancanza della fognatura - però arrivano. I portavoce regionali del movimento Cinque Stelle, Matteo Mangiacavallo e Giovanni Di Caro, e il rappresentante dell'associazione "Emporium" - stamani - hanno incontrato il prefetto di Agrigento Dario Caputo al quale sono stati illustrati i disagi degli abitanti del viale Emporium e traverse limitrofe per la mancanza della fognatura.

"Il prefetto, oltre a prendere atto del dettato normativo che impone l’obbligo della realizzazione delle fognature in capo alla pubblica amministrazione ma anche delle conseguenze che da ciò ne sono scaturite per lo Stato Italiano: la compartecipazione della frazione San Leone nella responsabilità nelle due sentenze di condanna per inquinamento della Corte Europea, ha anche preso atto - rendono noto dall'associazione 'Emporium' - delle procedure sanzionatorie instaurate dal Libero consorzio comunale di Agrigento. Su quest’ultimo argomento ha assicurato il proprio immediato intervento nei confronti del Libero consorzio per esaminare la possibilità di bloccare i procedimenti sanzionatori". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento