rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Notizie Ribera

"Nascondeva droga nel vano motore", il Riesame dispone i domiciliari

Il cinquantenne extracomunitario non ha ancora lasciato il carcere perché manca il braccialetto elettronico

Il tribunale del Riesame di Palermo ha disposto i domiciliari con il braccialetto elettronico per il tunisino Adel Mekni, di 50 anni, che risiede a Ribera, fermato sulla statale 115 a bordo di un Suv con un chilo di hashish e 52 grammi di cocaina nel vano motore dell’auto, ma l’extracomunitario non ha ancora lasciato il carcere perché manca il braccialetto elettronico.

Nascondeva hashish e cocaina nel vano motore, arrestato un operaio 

Il Riesame ha parzialmente accolto la loro richiesta di scarcerazione. Hanno puntato sul fatto che il cinquantenne avrebbe ammesso le proprie responsabilità ed è incensurato. Il tunisino, nel carcere di Sciacca, durante l’udienza di convalida, si è avvalso della facoltà di non rispondere, ma rendendo dichiarazioni spontanee si sarebbe dichiarato dispiaciuto di quanto accaduto.

Droga, l'arrestato era solo un corriere 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nascondeva droga nel vano motore", il Riesame dispone i domiciliari

AgrigentoNotizie è in caricamento