Degrado in via Mario Rapisardi, i residenti: "Da 20 giorni chiediamo aiuto"

La scalinata e la via sono invasi da erbacce e rifiuti, ma al momento non sono previsti interventi

Via Mario Rapisardi

"Siamo stanchi di subire in silenzio". E' un vero e proprio grido di allarme quello che parte dai residenti di via Mario Rapisardi, popolosa traversa a valle della via Manzoni, i quali lanciano un appello perché qualcuno si occupi di diserbare e ripulire la zona in cui vivono.

"Questo - dicono commentando le foto - è il degrado in cui versa la via Mario Rapisardi. Ho sollecitato telefonicamente la presenza di un operatore ecologico agli organi di competenza ma senza esito. E' da venti giorni che aspetto ma della presenza di un operatore neanche l'ombra".

WhatsApp Image 2019-06-15 at 14.43.48(2)-2

Le operazioni di diserbo della città, come è stato ampiamente raccontato sui social, sono partite dalla zona rivierasca, e ancora oggi in molte strade del centro urbano si attende con (im)pazienza che qualcuno si faccia vivo per rimuovere erbacce e spazzatura. Sempre in via Mario Rapisardi, alcune settimane fa, erano stati i cittadini a provvedere alla rimozione delle erbacce davanti alle loro abitazioni.

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Scopre il tradimento del marito e per strada scoppia il parapiglia

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • "Vertici e affiliati di Cosa Nostra", 9 ordinanze di custodia cautelare: ai domiciliari l'ex consigliere comunale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento