Crisi Cmc e lavori nelle strade a rischio, dall’Ars: “Non siamo disposti a perdere altro tempo”

Interviene Giusy Savarino, presidente della IV commissione legislativa Trasporti: “L’Anas trovi una soluzione immediata”

Il colosso Cmc è in crisi, i lavori sono a rischio di stop con la conseguenza che Agrigento possa restare isolata. Interviene adesso Giusi Savarino, presidente della IV commissione legislativa Trasporti  all’Ars.
“Sia sulla Agrigento/Palermo che sulla 640 ad eseguire i lavori con gravi ritardi è la Cmc di Ravenna in Ati, oggi in palese difficoltà economica chiede altro tempo, tempo che gli agrigentini e le imprese del territorio non sono più disposte a dare, e neanche io!”

Giusi Savarino, prosegue: “Da mesi vigiliamo su Anas e Cmc, sia per i lavori sulla 640 che per la Palermo-Agrigento. Lo stesso residente Musumeci anche nei vertici romani ha ripetutamente sollecitato Anas su queste importanti arterie viarie. Noi abbiamo fatto innumerevoli audizioni, nonché ispezioni in loco insieme all’assessore Falcone, il nostro timore era la solidità economica del contraente generale. Purtroppo le notizie che arrivano sull’amministrazione controllata della società Cmc dimostrano quanto i nostri timori fossero fondati, ora però non vogliamo che oltre al danno ci sia anche la beffa, per cui chiediamo con fermezza all’Anas di trovare una immediata soluzione. Categoricamente non vogliamo che queste opere si trasformino in incompiute che lascino isolate un'intera provincia! Oggi avrei voluto discutere del problema qui in Commissione, i miei funzionari hanno contatto i vertici di Anas, Cmc e le società in Ati per convocarli già questa settimana, ma ci hanno chiesto tempo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’onorevole assicura: “Non siamo più disposti a perdere altro tempo prezioso. Non è più tollerabile che in Sicilia non ci siano tempi certi di esecuzione dei lavori”. Le parti verranno riconvocate la prossima settimana, “mi auguro che vengano con una soluzione pragmatica, efficiente e prontamente eseguibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento