rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Notizie Camastra

"Tentata estorsione per compensare debito di droga", salta l'udienza dal gup

Il pubblico ministero Gloria Andreoli ha chiesto il rinvio a giudizio di Antonino Chiazza, 49 anni, di Palma di Montechiaro; Michele Amato, 44 anni, di Canicattì; Antonio Chiazza, 33 anni, di Palma di Montechiaro e Giuseppe Triglia, 35 anni, di Canicattì

L’udienza preliminare, davanti al gup Stefano Zammuto, doveva iniziare ieri ma la richiesta di rinvio di uno dei difensori per un impedimento professionale, ha fatto slittare l’udienza. Il pubblico ministero Gloria Andreoli ha chiesto il rinvio a giudizio di Antonino Chiazza, 49 anni, di Palma di Montechiaro; Michele Amato, 44 anni, di Canicattì; Antonio Chiazza, 33 anni, di Palma di Montechiaro e Giuseppe Triglia, 35 anni, di Canicattì. I primi due, il 19 febbraio dell’anno scorso, furono arrestati, con l'accusa di tentata estorsione, perché avrebbero preteso di compensare un debito di droga facendosi intestare un terreno che valeva sei volte la somma di denaro.

"Non hai pagato la droga, dacci il terreno": chiesti 4 rinvii a giudizio 

Si torna in aula il 12 marzo prossimo. Gli imputati hanno nominato come difensori gli avvocati Angela Porcello, Ninni Giardina, Calogero Montante, Giovanni Lo Monaco e Santina Campo: alla prossima udienza saranno chiamati alla scelta del rito. La presunta vittima, secondo la ricostruzione dell’episodio, aveva acquistato a credito varie dosi di cocaina, per un valore complessivo di circa 2.000 euro. Non era, però, riuscita a pagare il debito contratto con i suoi fornitori e temeva ritorsioni. Per questo decise di raccontare tutto ai carabinieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tentata estorsione per compensare debito di droga", salta l'udienza dal gup

AgrigentoNotizie è in caricamento