Valenti: "Dentro l'Ati nessuna contrapposizione, si lavora per l'acqua pubblica"

Confermato il percorso avviato durante un convegno convocato da Federconsumatori durante il quale si è proposta la creazione di un'azienda speciale consortile

Un momento del convegno

"Punteremo su una gestione pubblica dell'acqua, dentro l'Ati oggi si parla con una voce unica e non esistono contrapposizioni di interessi". Così ha parlato il presidente dell'Assemblea territoriale idrica, Francesca Valenti, al convegno "Il servizio Idrico integrato in provincia di Agrigento, dal fallimento della privatizzazione alla gestione pubblica e partecipata”, organizzato da Federconsumatori Sicilia insieme a Forum siciliano dei movimenti per l'acqua e svoltosi ieri presso l'aula "Luca Crescente"  del Consorzio universitario.

Caso Girgenti Acque, iniziate le audizioni in Commissione antimafia all'Ars 

Dopo l'introduzione di Antonella Leto, coordinatrice del Forum, che ha illustrato la situazione attuale del servizio idrico integrato in provincia di Agrigento dopo le ben note vicende giudiziarie, il dibattito coordinato dal presidente di Federconsumatori Sicilia Alfio La Rosa ha visto gli interventi del professor Lucarelli, della presidente Ati Agrigento Francesca Valenti e del Presidente nazionale di Federconsumatori Emilio Viafora.

Gestione del servizio idrico, i sindaci non consegnatari: "Noi pienamente nel rispetto della legge"

Alla base del Convegno, la proposta di istituire un'azienda speciale consortile che gestisca il servizio nella provincia agrigentina. “Tale azienda – spiega il professore Lucarelli, coestensore dei quesiti referendari del 2011 per la ripubblicizzazione dell'acqua - potrebbe essere di diversi tipi, anche un'azienda aperta a lavoratori, sindacati, associazioni ambientaliste. Tutto ciò va fatto attraverso uno statuto nato da seri studi di fattibilità giuridica, tecnica, economica e ambientale. Uno statuto che sia un modello di governance del territorio. Tutto ciò è possibile, e previsto dall'ordinamento giuridico, e inoltre i Comuni sono i proprietari delle infrastrutture”.

“Il Forum per l'acqua e i beni comuni già nel 2006-7 lanciò l'allarme sulle privatizzazioni dell'acqua in Sicilia. Ci fu risposto che la nostra era una posizione viziata da un pregiudizio ideologico. Oggi la storia ci ha dato ragione ed è ora di ripubblicizzare l'acqua una volta per tutte. L'azienda speciale consortile ad Agrigento può essere il primo passo di un percorso che deve riguardare tutta la Sicilia. Il commissariamento e la rescissione del contratto con Girgenti Acque è una grande opportunità”, ha spiegato Antonella Leto.

Girgenti Acque messa in ginocchio dalla crisi, i commissari: "Garantiremo gestione e posti di lavoro"

“L'Ati ha convenuto che la precedente gestione privata delle risorse idriche ad Agrigento non fosse più sostenibile e ha deciso per la risoluzione della convenzione - ha spiegato invece la Presidente ATI Agrigento, e Sindaco del Comune di Sciacca, Francesca Valenti – Siamo al corrente che ci saranno a breve contenziosi, ma tutto questo non spaventa i Comuni dell'Ati. Tutti i Comuni concordano sul fatto che la nuova forma di gestione dell'acqua non possa che essere pubblica: non possiamo tornare al privato. Per fortuna oggi l'Assemblea dell'Ati parla una voce sola e univoca e all'interno dell'Ati non ci sono contrapposizioni d'interessi. Nel frattempo stiamo facendo una mappatura delle fonti idriche utili e anche di quelle utilizzabili”.

“La gestione privata – ha detto il presidente nazionale di Federconsumatori Viafora – è stata un fallimento sotto tutti gli aspetti ed è finita con il commissariamento. E' il momento di impostare una nuova gestione pubblica, trasparente, efficiente e che tuteli i cittadini-consumatori di Agrigento. Bisogna stabilire che non si può fare profitto sull'acqua e iniziare a lavorare, tutti insieme, a un progetto di nuova gestione che rappresenti gli interessi di tutti. Poi dobbiamo iniziare a parlare del problema di fondo: Siciliacque Spa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La nostra proposta è quella di una azienda speciale consortile. Il momento per costituirla è ora, oggi che Girgenti Acque Spa è stata commissariata e il contratto è stato rescisso. Il convegno di oggi, molto partecipato dagli agrigentini, dimostra che i cittadini-consumatori hanno la voglia di partecipare ad una nuova gestione pubblica dell'acqua”, ha concluso il presidente regionale di Federconsumatori Alfio La Rosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: calano i contagi, ma ci sono Comuni dove si registra un'impennata

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

  • Coronavirus: boom di contagi in città (+7), Licata (+7) e Canicattì (+10), positivi alunni, docente e operatore: scuole chiuse

  • Coronavirus, la curva dei contagi continua a salire: morta 93enne, due vittime in poche ore

  • Coronavirus, sono 18 i nuovi casi positivi: il contagio non si arresta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento