Pneumatici chiodati, quando usarli

Le gomme chiodate sono ammesse nello stesso periodo di quelle invernali e possono essere utilizzate rispettando le condizioni di esercizio previste dal Ministero dei Trasporti

Durante il periodo invernale, le precipitazioni rendono le strade meno sicure, in quanto acqua e neve pregiudicano l’aderenza del veicolo all’asfalto, la tenuta di strada e la capacità di frenata. Per questo motivo, in Italia vige l’obbligo di equipaggiare auto e moto con le cosiddette “gomme invernali” durante il periodo che va dal 14 novembre al 14 aprile. Questo tipo di pneumatico presenta una serie di caratteristiche tecniche che gli consentono di assicurare standard prestazionali più elevati in termini di sicurezza. In determinate condizioni è possibile montare, il luogo delle gomme da neve standard i pneumatici chiodati, nel rispetto della normativa vigente.

Cosa sono le gomme chiodate

Com’è facile intuire dal nome stesso, i pneumatici chiodati sono gomme dotate di piccoli chiodi. In sostanza, si tratta di coperture da neve alle quali sono stati aggiunte delle puntine metalliche sporgenti dalla superficie del battistrada. La funzione dei ‘chiodi’ è quella di migliorare ulteriormente la capacità di aderenza del pneumatico al fondo stradale, migliorando la tenuta e la capacità di frenata del veicolo. Questo tipo di pneumatico presenta sia vantaggi che svantaggi.

Da un lato, le gomme chiodate sono la soluzione più pratica per chi sa di dover attraversare spesso strade ricoperte di neve; di contro, le catene da neve devono essere montate sulle strade che prevedono quest’obbligo specifico e il loro allestimento rappresenta un’operazione che richiede una certa abilità. D’altro canto, possono essere facilmente tenute a bordo e montate quando ve n’è bisogno.

Per quanto riguarda la caratteristiche tecniche e strutturali, la circolare stabiliva che: la sporgenza dei chiodi rispetto rispetto alla superficie del pneumatico non deve essere superiore a 1,5 mm; il numero di chiodi per ciascuna ruota deve essere compreso tra un minimo di 80 e un massimo di 160 “a partire dalla misura più piccola fino a quella più grande dei pneumatici“. I veicoli equipaggiati con gomme chiodate possono circolare su strada a patto di rispettare determinate condizioni, ovvero: un limite massimo di velocità, pari a 90 km/h lungo la viabilità ordinaria e 120 km/h sulle autostrade; applicazione delle bavette paraspruzzi dietro le ruote posteriori; montaggio delle gomme chiodate su tutte le ruote del veicolo e di eventuali rimorchi.

I pneumatici chiodati non possono essere montati su veicoli la cui massa complessiva è superiore a 3.5 tonnellate; il periodo dell’anno durante il quale possono essere impiegati va dal 15 novembre al 15 marzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • Un empedoclino a "Uomini e Donne", Giovanni alla "corte" di Gemma

  • Sorveglianza speciale e maxi sequestro del "tesoro" del "re" dei supermercati: ecco tutti i dettagli

  • L'incidente mortale di Ravanusa, veglie di preghiera per Federica

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento