La fat bike: cos'è e perchè è divertente usarla

Le biciclette cosidette "grasse": perchè si chiamano così, dove e come si usano

Le fat bike sono un’evoluzione delle classiche mountain bike e si distinguono da queste ultime per l’adozione di ruote con pneumatici e cerchi molto larghi. Inoltre queste biciclette possono utilizzare pressioni minori negli pneumatici per consentire una maggiore tenuta su terreni difficili.

Biciclette, quindi, dalle ruote Fat (grasse in italiano), nate negli anni '80 e arrivate poi sul mercato a partire dal 2005.

Fat bike: perché sono diventate così famose?

Le Fat Bike sono state ideate per superare i limiti delle tradizionali mountain bike e sono in grado di affrontare terreni particolarmente difficili dove le classiche mtb si trovano in difficoltà. La maggiore sezione dello pneumatico consente un’ottima aderenza e la bassa pressione permette di affrontare facilmente superfici morbide (come neve, fango o sabbia) o particolarmente sconnesse, come i greti dei fiumi. Inoltre queste biciclette risultano facili da controllare, con l’ampia superficie di appoggio sul terreno che garantisce un’elevata stabilità anche sui percorsi più accidentati.

Si tratta, quindi, di biciclette molto versatili e divertenti, adatte sia ai principianti, sia ai più esperti e anche il peso, nonostante le apparenze, non è poi molto differente da una normale mountain bike. Sul mercato è, infatti, possibile trovare anche modelli dal peso inferiore ai 10 KG. Ovviamente il grande attrito delle gomme sul terreno ha anche conseguenze negative; le fatbike non sono infatti la scelta migliore per chi ama percorrere grandi salite, lunghe distanze o per chi cerca la velocità.

Per quanto riguarda i vari modelli disponibili sul mercato, è oggi possibile trovare prodotti per tutte le tasche, con fatbike anche ammortizzate o dotate di pedalata assistita.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Agrigento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

  • La statua di Camilleri diventa un "giallo": polemiche su donatori e progetto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento