menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Come richiedere la 104 ad Agrigento

La Legge che permette agevolazioni in ambito lavorativo per lavoratori disabili o genitori e parenti di soggetti invalidi o con disabilità. Ecco tutte le informazioni per richiederla

La Legge 104 è il principale riferimento normativo per i lavoratori con invalidità riconosciuta, ma permette anche ai parenti di persone disabili o invalide di poterli assistere a casa. In vigore ormai dal lontano 1992, la Legge 104 detta i principi dell’ordinamento in materia di diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata. Nell’articolo 3 della legge stessa ne vengono specificati i soggetti aventi diritto: “E’ persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”.

Come funziona la Legge 104

Grazie a questa legge i parenti di persone con handicap, o gli stessi lavoratori se affetti da disabilità grave, possono ottenere delle agevolazioni in ambito lavorativo, in particolare i permessi retribuiti. Questi sono i soggetti cui fa riferimento la Legge 104:

  • disabili con contratto di lavoro dipendente, incluso part-time
  • genitori biologici, adottivi o affidatari di figli disabili, anche non conviventi
  • coniugi lavoratori dipendenti di soggetti affetti da disabilità grave
  • lavoratori dipendenti parenti di individui disabili (entro il secondo grado di parentela)
  • lavoratori dipendenti parenti o affini entro il terzo grado di parentela (zii, nipoti, bisnonni e bisnipoti nel caso in cui i genitori o il coniuge del disabile siano ultra 65enni, e in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti dei suddetti)
  • conviventi di fatto e unioni civili, come previsto da circolare dell’Inps n.38 del 2017

I permessi retribuiti

Questo un quadro semplificato dei permessi retribuiti ai sensi della Legge 104. Per il lavoratore disabile si tratta di tre giorni di riposo al mese, anche frazionabili in ore, oppure riposi giornalieri di una o due ore. Per i genitori con figli disabili è previsto il prolungamento del congedo parentale fino al compimento dell’ottavo anno di vita del figlio (fatto salvo che il bambino non sia ricoverato a tempo pieno in istituti specializzati), tre giorni di permesso mensile, riposi orari fino a due ore al giorno ma solo in caso il figlio disabile abbia meno di 3 anni.

Per quanto riguarda i genitori, i coniugi e i parenti di un disabile o un invalido maggiorenne (ma che rientrano nelle categorie citate nel paragrafo permanente) sono previsti tre giorni di permesso mensile, e che possono essere richiesti anche senza preavviso.

Legge 104: come richiederla

Per fare richiesta di benefici e agevolazioni previsti dalla Legge 104 è necessario presentare un’autocertificazione, anche in via telematica, in grado di accertare la condizione di disabilità del richiedente o del figlio o parente invalido o disabile. Sul sito web dell’Inps è presente la specifica sezione sulle “Prestazioni a sostegno del reddito: accesso al portale delle domande”.

Sono diverse le modalità successive di accertamento della richiesta, per quanto riguarda il lavoro in settore pubblico e il lavoro in settore privato. L’accertamento delle condizioni di difficoltà, invece, può avvenire anche con revisioni periodiche, attraverso esami e controlli effettuati da una commissione medica, sia in sede Inps che nella residenza dell’assistito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento