Adottare un figlio: come e dove presentare la domanda

L'iter burocratico per procedere con l'adozione di un minore. Tutto quallo che c'è da sapere

Quando una coppia decide di voler adottare un figlio a volte viene scoraggiata dalle variabili e dall’iter burocratico che porta all’adozione: se quelli per i bambini nazionali sono lunghi e incerti, la media di un’adozione internazionale è di 20 mesi. Tuttavia, prima dell’avvio della pratica, i futuri genitori devono aver compiuto un complesso iter per ottenere l’idoneità di coppia. Un documento che in media si ottiene in 6 mesi (ma a volte bisogna attenderne anche 24).

Come fare

Tramite l'istituto giuridico dell'adozione, un soggetto adottante può trattare un altro soggetto, detto adottato, come figlio, il quale assume il cognome dell'adottante. Il Tribunale dei Minori accerta lo stato di abbandono del minore.

Le famiglie/coppie che danno la loro disponibilità all'adozione nazionale ed internazionale, devono avere i seguenti requisiti:
- i coniugi devono essere sposati da almeno 3 anni, o in alternativa 3 anni comprensivi di matrimonio e di comprovata convivenza
- i coniugi adottivi ed adottato non devono avere una differenza di età inferiore a 18 anni e superiore a 45 (salvo alcune eccezioni)
- la disponibilità ad adottare un bambino va redatta in tre copie per la domanda nazionale e tre per la domanda internazionale
- la disponibilità deve essere presentata personalmente dagli interessati e firmata al momento del deposito della stessa davanti ad un funzionario incaricato presso il Tribunale per i Minorenni.

La domanda di disponibilità all’adozione nazionale ha validità di tre anni e può essere ripresentata.

L'iter legislativo per l'adozione nazionale e internazionale

Una volta depositata la domanda, il Tribunale dei Minori incarica la Medicina Legale di effettuare gli approfondimenti sulla salute fisica della coppia. Le èquipe adozione cominciano i colloqui di conoscenza e, al termine di questo percorso, inviano una relazione scritta sociale e psicologica al Tribunale. Un Giudice Delegato incontra i coniugi in udienza. In questo modo il Tribunale per i Minorenni valuta la coppia, stabilendo per l'adozione nazionale a quale famiglia affidare ciascun bambino, secondo i suoi bisogni. Comincia un periodo pre-adottivo di un anno, che diventa definitivo se l'abbinamento bambina/o-famiglia ha avuto esito positivo.

Le istruzioni per adottare un figlio

Per l`adozione internazionale, la coppia, dopo aver ottenuto l`idoneità dal Tribunale per i Minorenni, per procedere nell'adozione, deve conferire l`incarico ad un Ente Autorizzato, tra quelli legalmente riconosciuti dalla Commissione per le Adozioni Internazionali, in base alla legislazione in materia. Solo tramite l`Ente potrà adottare in un Paese Straniero, un bambino dichiarato adottabile dall`Autorità competente del Paese stesso.“

Idoneità

Per poter adottare un bambino i coniugi devono essere ritenuti idonei ad educare e mantenere il bambino. Per stabilirlo oltre a presentare una serie di documenti (ad esempio lo stato civile e quello di famiglia oltre che il certificato di nascita), la coppia deve superare un esame attento da parte dei servizi sociali del comune in cui si vive.

La domanda di adozione è una domanda in carta semplice, che vale 3 anni ed è rinnovabile, da presentare al Tribunale, che deve includere vari documenti (oltre ai certificati già citati): 730 o busta paga, certificato del casellario giudiziale, certificato del medico di base e anche assenso scritto dei nonni.

Dichiarazione d’adozione

Dopo il primo anno, se esistono tutte le condizioni previste dalla legge (se i minori hanno più di 14 anni va considerato anche il loro giudizio) il minore è definitivamente adottato. Il bambino finalmente è figlio legittimo della coppia, adotta il cognome della famiglia adottiva e non ha più rapporti giuridici con la famiglia d’origine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento