menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Biagio Platani, inaugurato distributore di acqua potabile: costerà 5 centesimi al litro

Ogni famiglia produrrà in meno circa 50 chili annui di plastica e risparmierà in media 7 centesimi al litro rispetto all'acqua imbottigliata

Un servizio alla collettività, a costo zero per il Comune, a favore dell'ambiente e vantaggioso per le tasche dei cittadini. 

A San Biagio Platani, primo Comune nell'Agrigentino a porlo in essere, è stato avviato il progetto "Acqua del popolo" che distribuirà a costo conveniente acqua naturale o gassata senza aggravi di spese per l'Ente che ha ottenuto dall'azienda fornitrice della "casetta" erogatrice anche lo sgravio dalle spese di manutenzione e di gestione dell'impianto, oltre a un vantaggio per le casse comunali in cui entrerà l'8 per cento del ricavato dalla vendita dell'acqua.

Proveniente dalla sorgente del Voltano, sarà acqua sicura perchè controllata regolarmente, e microfiltrata con i sistemi più innovativi, assicura il sindaco Santino Sabella.

Collocato all'incrocio tra via De Gasperi e via Seneca, il distributore è stato inaugurato e sembra aver incontrato i favori della comunità sambiagese che risparmierà sulla raccolta dei rifiuti: secondo le prime stime, ogni famiglia produrrà in meno circa 50 chili annui di materiale plastico, con un comprensibile beneficio per l'ambiente.

Il risparmio è di grande entità per i bilanci familiari dei sambiagesi: l'acqua minerale naturale sarà venduta a 5 centesimi al litro (contro quelli medi di 12 centesimi per quella imbottigliata, che con un rapido calcolo approssimativo significano in media 45 euro annui a persona consumandone un solo litro al giorno), mentre quella frizzante a 7 centesimi.

«Per prendere l’acqua – spiega Sabella, promotore dell’iniziativa già in campagna elettorale – sarà necessario inserire una carta magnetica che si potrà acquistare al Comune e sulla quale sarà caricata una cifra di 10 euro, equivalenti a circa 200 litri di acqua. La prima ricarica, inoltre, costerà 5 euro invece di 10. L’iniziativa – conclude il sindaco – si inserisce nell’attività rivolta al risparmio energetico e alla salvaguardia dell’ambiente. C’è da dire che il suo utilizzo riduce le spese rispetto a chi compra l’acqua minerale nei supermercati. Grazie a una macchina super tecnologica la fontana di nuova generazione entra in competizione con l’acqua minerale in bottiglia e affida le sue chance di successo alla bontà del prodotto. Il sistema di microfiltraggio la rende più gustosa da bere e adatta per cucinare perchè esalta e rende più definiti i sapori degli alimenti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento