Raccolta differenziata, ultime due settimane per il ritiro dei mastelli

Fino al 18 gennaio è prevista la consegna dei kit ai cittadini il cui cognome inizia con le lettere M, N, O, P, Q, ed R, mentre dal 20 gennaio al 1 febbraio saranno serviti gli utenti S-Z

(foto ARCHIVIO)

Raccolta differenziata a Favara, ultime due settimane per i cittadini per dotarsi dei mastelli necessari per il porta a porta. La distribuzione delle attrezzature e del materiale informativo, iniziata lo scorso 25 novembre, continuerà infatti solo fino al primo febbraio secondo un calendario che tiene conto dell'ordine alfabetico legato al cognome dei singoli utenti. L'Iseda, azienda capofila del raggruppamento di imprese che hanno in appalto il servizio, informa infatti che fino al 18 gennaio infatti, è prevista la consegna dei kit ai cittadini il cui cognome inizia con le lettere M, N, O, P, Q, ed R, mentre nella settimana dal 20 gennaio al 1 febbraio, saranno serviti gli utenti i cui cognomi inizieranno con le lettere S, T, U, V e Z.

Le attrezzature ed il materiale informativo si possono continuare a ritirare nei locali ex Ipab con ingresso da Piazza d'Armi nella zona San Francesco di Favara. Gli uffici saranno aperti dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13.
Per il ritiro dei mastelli è necessario presentarsi negli uffici di Piazza D'Armi, con la tessera sanitaria dell'intestatario della Tari
anche in caso di delega.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • Un empedoclino a "Uomini e Donne", Giovanni alla "corte" di Gemma

  • Pizzo sullo stipendio, dipendente in aula: "Restituivamo i soldi per non essere licenziate"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento