menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta differenziata, parte "progetto pilota" a Fontanelle: ciò che c'è da sapere

Gli abitanti di Fontanelle dovranno impegnarsi a separare i rifiuti perchè si possa trarne beneficio economico ed ecologico. Le possibilità di risparmio saranno, a breve, "tangibili" per le famiglie: chi differenzierà nel modo corretto e con maggiore impegno si vedrà riconosciuto uno sconto in bolletta

Parte domani a Fontanelle la raccolta differenziata. L'avvio del progetto pilota con il metodo "porta a porta", che prenderà il via per la prima volta nel capoluogo e da uno dei più popolosi quartieri periferici, aveva subito un "rinvio" di quindici giorni (al 29 febbraio solo il 50per cento dei residenti aveva ritirato contenitori e "istruzioni per l'uso"): e il Comune ha divulgato in queste settimane le indicazioni su come separare i rifiuti correttamente per il riciclo, concorrendo a ridurre il costo della tariffa e l'inquinamento ambientale.

E per sensibilizzare proprio tutti i residenti del quartiere, senza eccezioni, nei giorni scorsi l'assessore Mimmo Fontana è stato, insieme con l'assessore Beniamino Biondi, animatore di una serie di incontri con gli alunni dell'Istituto comprensivo "Fontanelle": i due amministratori hanno illustrato non solo le buone pratiche della differenziata, ma anche i benefici derivanti dalla separazione e dal conseguente riciclaggio della spazzatura.

differenziata-fontana-scuola-verga

«Mi sono divertito molto a incontrare questi ragazzi, saranno di certo ottimi agenti formatori per le famiglie. La differenziata non è solo un obbligo di legge ma soprattutto una scelta di civiltà che consente ad ogni cittadino di partecipare al processo di miglioramento del territorio - ha detto Fontana -. E poi i cittadini consapevoli sono quelli che si comportano meglio, specie sapendo che non solo si rispamia conferendo meno in discarica, ma in più si guadagna con il riciclo».

«La scuola è in maniera naturale luogo preposto a momenti formativi, ed essendo attività pedagogica quella in cui si spiega anche in forma ludica come avviene la differenziata, non poteva che essere coivolta - ha detto Biondi -. Mesi fa abbiamo incontrato i dirigenti degli istituti agrigentini: considerato che in questi processi i figli finiscono per educare i genitori, l'idea è di coinvolgere tutti gli istituti scolastici, con un percorso formativo per docenti, alunni, adulti e bambini, che si traduca in un momento culturale importante. E' un bel segnale che si parta dalle scuole, perchè qui si formano le nuove generazioni, quelle che in definitiva gestiranno il territorio e tuteleranno l'ambiente».

Le possibilità di risparmio saranno, a breve, "tangibili" per le famiglie. L'assessore Fontana ha, infatti, annunciato l'acquisto dei microchip che, applicati ai contenitori per l'umido e a quelli condominiali, consentiranno di far rilevare chi differenzierà nel modo corretto e con maggiore impegno. A queste famiglie, poi, verrà riconosciuto un "credito" che si tradurrà in uno sconto in bolletta. 

Secco non riciclabile, umido, carta e cartone, vetro, acciaio e alluminio, plastica. Queste le "categorie" di spazzatura che gli abitanti di Fontanelle dovranno impegnarsi a separare perchè si possa trarne beneficio economico ed ecologico. Il servizio di raccolta verrà garantito tutti i giorni feriali secondo un calendario prestabilito.

calendario-differenziata-fontanelle-2

Ecco cosa "diventerà" il materiale raccolto per tipologia.

SECCO NON RICICLABILE - Il rifiuto secco non riciclabile prodotto verrà portato in discarica e la sua gestione rimane solo un costo per tutta la collettività. Il rifiuto dovrà essere contenuto, direttamente entro sacchetti a carico dell’utente ed esposto per la raccolta nei giorni e nell'intervallo orario indicati nelle istruzioni e nel calendario di raccolta. 

UMIDO - Il rifiuto umido verrà portato a un impianto di trattamento dove si produce compost. I rifiuti vengono depositati nell’area di compostaggio, una grande area coperta in cui avviene il processo di biodegradazione grazie al continuo controllo della temperatura e dell’umidità e al rimescolamento effettuato da una grande ruota dentata. In seguito il materiale viene portato al vaglio, un grande tubo forato che trattiene i pezzi troppo grossi o non decomposti. Dopo quest’ultima cernita, il rifiuto diventa ottimo compost, un concime naturale che può essere impiegato nell’orto o nel giardino. Il rifiuto dovrà essere contenuto, direttamente entro sacchetti biodegradabili compostabili, nelle apposite biopattumiere della capacità di 40 litri di colore marrone scuro ed esposto per la raccolta nei giorni e nell'intervallo orario indicati nelle istruzioni e nel calendario di raccolta. 

CARTA E CARTONE - Verranno imballati e trasportati presso una piattaforma autorizzata dal consorzio di filiera "Comieco" e da questo a una cartiera dove sarà il materiale sarà trattato per essere riutilizzato dopo essere stato ridotto in poltiglia, lavato e filtrato, steso, asciugato e arrotolato in bobine, pronto per essere riutilizzato. (Per produrre 1 tonnellata di nuova carta occorrono 2,5 tonnellate di legname, 40 mila litri di acqua e 840 kwh di energia elettrica).

Il rifiuto dovrà essere appiattito, ripiegato ed impacchettato ed esposto per la raccolta nei giorni e nell'intervallo orario indicati nelle istruzioni e nel calendario di raccolta. 

PLASTICA, LATTINE e ACCIAIO - Una volta raccolti, la plastica, l’acciaio e l'alluminio verranno portati presso una piattaforma di selezione dove viene fatta un’accurata separazione a seconda del materiale. Terminata la fase di separazione, i singoli materiali verranno imballati e avviati agli specifici impianti di riciclaggio. Solo una piccola parte verrà scartata e portata in discarica. Gli imballaggi in metallo, alluminio e acciaio verranno portati nelle fonderie e fusi per produrre nuovi oggetti e imballaggi. (In particolare, con l’acciaio riciclato si realizzano i binari ferroviari, le strutture dei ponti, parti degli scafi delle navi. Ci vuole invece il materiale di 800 lattine per fare un telaio in alluminio di una bici, 130 lattine per produrre un monopattino, 37 per una caffettiera e 3 per la montatura di un paio di occhiali). 

Le plastiche selezionate vengono ridotte in piccoli granuli che sono poi fusi e lavorati. Con il materiale riciclato si producono nuove bottiglie di plastica, flaconi, altri tipi di contenitori, come ad esempio porta uova, fibre sintetiche per l’abbigliamento (come il pile), materiali per l’edilizia (tubature, raccordi, passacavi), arredi urbani e molto altro. 

VETRO - E' uno degli elementi in assoluto più facili da riciclare. Una volta raccolto, verrà portato presso una piattaforma di selezione. Anche il vetro può essere riciclato: una volta separato per colore e rifuso viene utilizzato per produrre nuovi prodotti, come: bottiglie, vasi e altri contenitori. 

Ai residenti di Fontanelle sono state, quindi, distribuite le "istruzioni" per separare la spazzatura con una dettagliata lista di materiali suddivisi per tipologia.

Chi non l'avesse ancora fatto può ritirare gratuitamente i contenitori necessari per la raccolta differenziata negli uffici comunali di via Pancamo, dalle 8,30 alle 12,30 di tutti i giorni feriali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento