Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Biodiversità e lotta all'inquinamento marino, Mazzotta: "La salute del nostro mare è relativamente buona"

A Porto Empedocle, nella torre di Carlo V Wwf e Marietarra hanno parlato delle azioni intraprese a salvuagradia del mare e delle tartarughe Caretta caretta

 

Si è discusso di  biodiversità mediterranea e della salvaguardia degli ecosistemi marini minacciati dall’inquinamento, nonché delle azioni volte a proteggere la tartaruga Caretta caretta, nell’incontro che l’area Mediterranea del Wwf Sicilia, in collaborazione con l’associazione Mariterra, hanno svolto nel cortile della torre di Carlo V di Porto Empedocle. 

La plastica presente sui fondali marini, rappresenta una delle maggiori minacce per i delicati equilibri marini. L’estate che volge al termine, sull’intera linea di costa agrigentina, ha segnato un record di  nidificazioni e di successive schiuse di uova delle tartarughe Caretta caretta. 

La natura regala spettacolo, altre 59 tartarughe marine a Ribera
La natura regala spettacolo, altre 59 tartarughe marine a Ribera

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/nascono-59-tartarughe-marine-ribera.html

Secondo il presidente del Wwf Sicilia, Giuseppe Mazzotta la salvaguardia dei nidi di tartaruga marina, è avvenuta grazie ad una accresciuta sensibilità dell’opinione pubblica che, unitamente ai volontari delle associazioni ambientaliste, ha custodito le preziose uova fino allo loro schiusa.

Sullo stato di salute del mare agrigentino invece, parlando dell’esperienza di alcuni suoi amici escursionisti su un ampio specchio d’acqua,  dai microfoni di AgrigentoNotizie, il presidente Giuseppe Mazzotta ha precisato: "Le nostre coste sono relativamente pulite rispetto a quello che si incontra in altre zone della Sicilia, mi dicevano – ha aggiunto -  che in questo tratto di mare, evidentemente il lavoro che tanti cittadini e volontari  hanno fatto, nel raccogliere le plastiche, ha dato i suoi frutti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento