Chiude l'impianto, comuni "ricicloni" rischiano aumento della Tari

A monte di tutto vi è l'indisponibilità del centro di compostaggio di contrada Santa Maria di Sciacca, perché ormai saturo

Sono da tempo ai vertici delle classifiche come comuni "ricicloni" grazie all'alta percentuale di spazzatura che viene trasformata in risorsa riciclabile. Ma oggi i centri di Lucca Sicula, Villafranca Sicula, Calamonaci e Burgio rischiano di veder vanificati gli sforzi dei cittadini.

A riportarlo è il quotidiano La Sicilia in edicola oggi. A monte di tutto vi è l'indisponibilità del centro di compostaggio di contrada Santa Maria di Sciacca, perché ormai saturo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo costringerà a trasportare il rifiuto differenziato presso altre piattaforme, con un inevitabile aumento dei prezzi complessivi che non potrà che ripercuotersi sui cittadini nonostante le altissime percentuali di riciclo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento