Rifiuti spiaggiati, indagine "Beach Litter" di Legambiente a lido Cannatello

Al lavoro anche il personale delle Riserve naturali Grotta di Sant’Angelo Muxaro e i Volontari del servizio civile universale

Sabato 20 giugno i soci del circolo Rabat di Legambiente Agrigento unitamente al personale delle Riserve Naturali Grotta di Sant’Angelo Muxaro e i Volontari del Servizio Civile Universale, hanno effettuato l’attività di censimento dei rifiuti spiaggiati nell’ambito della campagna di Legambiente denominata Indagine Beach Litter.

Dal 2014 ad Agrigento è stata studiata la spiaggia della Babbaluciara (foce del fiume San Leone), poiché risponde ai requisiti previsti dal protocollo stabilito dalla European Enviromental Agency, ma l’emergenza Covid-19 ci ha costretto a posticipare questa indagine - che di solito viene effettuata a maggio, prima che le spiagge vengano pulite per la stagione balneare –  quando la spiaggia era già stata “pulita” (si veda comunicato su distruzione della duna costiera di qualche giorno fa). In sostituzione abbiamo monitorato la spiaggia di Lido Cannatello (caratteristiche simili a Babbaluciara per la vicinanza alla foce del fiume Naro). L’Indagine Beach Litter rappresenta un’attività di citizen science (ricerca scientifica a cui partecipano semplici cittadini) in cui si contano e catalogano i rifiuti presenti in spiaggia, senza attività di pulizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest’anno al catalogo di rifiuti sono stati aggiunti quelli relativi al Covid-19 e alle bioplastiche. Il censimento dei rifiuti ci consente di acquisire informazioni su quantità, trend e fonti di quella quota di marine litter (rifiuti che inquinano il mare) che sono immediatamente visibili, in relazione con la Direttiva Europea sulla Strategia Marina (2008/56/CE). Capire cosa deturpa le nostre spiagge serve ad agire sulle nostre abitudini di consumo e sui nostri comportamenti. La messa al bando dei cotton fioc non riciclabili da parte, prima, dell’Italia - nel 2019 - e poi da parte dell’Unione Europea – a partire dal 2021 - è frutto anche di questa attività di monitoraggio. I dati raccolti ad Agrigento verranno trasmessi alla piattaforma informatica nazionale e nelle prossime settimane verrà prodotto e divulgato un report nazionale a cura di Legambiente. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento